Redazione

Redazione

Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

Anfiteatro di Alessandria

È possibile abbinare storia e soggiorno al mare in una vacanza qui sul Mediterraneo egiziano, dove tutto è a portata di mano: le spiagge, la città di Alessandria, e anche il memoriale di El Alamein.Buone notizie per tutti coloro che stanno pensando di organizzare le vacanze in Egitto. Air Arabia, vettore low cost del Medio Oriente e del Nord Africa, ha sede proprio ad Alessandria d’Egitto e recentemente ha attivato due voli settimanali, il venerdì e la domenica, per aprire la rotta tra l’aeroporto di Bergamo Orio al Serio e Alessandria d’Egitto.

Un po’ di storia.. 

Alessandria fu fondata da Alessandro Magno nel 332 a.C. , e divenne ben presto capitale del Mediterraneo e della cultura ellenistica.

L’ architetto Dinocrate ( ai tempi della dinastia di Tolomeo I)  modificò notevolmente la pianta disegnata dagli architetti greci ed introdusse elementi di grande novità. Fece congiungere con una diga, lunga più di un chilometro, l'isola di Faro antistante la città, al litorale di Alessandria: su questa striscia di terra fu costruito il Faro – incluso tra le sette meraviglie del mondo antico – una torre alta 120 metri per segnalare alle navi il porto. Si narra che dal Faro si potessero vedere le navi che solcavano il Mediterraneo..(forse grazie all'invenzione di una lente) e per questo motivo Alessandria non è mai stata attaccata via mare. Nell' VIII secolo le fondamenta del Faro sono state compromesse a causa delle ricerche del tesoro di Alessandro Magno. In seguito a un terremoto, crollò il quarto piano. Durante il governo della dinastia tolemaica la Biblioteca raggiunse fama internazionale sia per gli studiosi che la frequentavano sia per l'altissimo numero di volumi papiracei contenuti (oltre 200.000 ). Quando poi l'Egitto divenne provincia romana (30 a.C.), gli imperatori trascurarono questo patrimonio culturale e ne provocarono il declino. Con l'andare del tempo una parte della città venne sommersa dal mare e della biblioteca antica ora si possono osservare alcuni blocchi di granito rosa sott'acqua. 

Nel 1970 ci fu un appello internazionale per la ricostruzione della biblioteca di Alessandria, e ve ne saranno altri decenni dopo (anche Ṣaddām Ḥusayn ʿAbd al-Majīd al-Tikrītī partecipò con una cospicua somma di denaro); l'inaugurazione avviene finalmente nel 2002 sotto la presidenza di Muḥammad Ḥusni Sayyid Ibrāhīm Mubārak. La moderna biblioteca di Alessandria d’Egitto, la prima digitale del Mondo, si sviluppa su undici piani e copre un'area di circa 80.000 m². La sala principale è divisa in gradinate, in basso c'è la sezione di storia, poi salendo: geografia, lingue e all'ultimo si trova informatica. La biblioteca include sale di lettura, un istituto per il restauro di libri antichi, una biblioteca per l'infanzia, una sala per disabili, una scuola d’informatica, sale per riunioni e congressi. Un ponte la collega all'Università, proseguendo poi fino al mare. L'edificio è di granito grigio di Assuan. Sulle pareti esterne vi sono disegni di alfabeti diversi, che simboleggiano il patrimonio mondiale della scrittura. 

Oggi Alessandria d’Egitto è una vivace città portuale ed oltre alla moderna Biblioteca Alexandrina è consigliato scoprire la cittadella di Qaitbay, le catacombe di Kom el- Suqafa e inoltrarsi tra le vie della città e lasciarsi incuriosire dai colorati bazar. Inoltre nel mese di agosto si tiene il Bibliotheca Alexandrina Summer Festival con concerti, film e spettacoli teatrali di artisti egiziane ed internazionali.Ad un’ora da Alessandria si possono visitare, dietro appuntamento, alcuni monasteri cristiani: San Macario il Grande, fondato nel IV secolo, oggi luogo di culto della Chiesa ortodossa copta, depositario di tradizione e cultura; il monastero di San Bishoi che comprende oggi 400 ettari di terreno coltivati a frutta, verdura e olivi; il monastero dei Siriani (occupato per molto tempo da monaci provenienti da quella regione) dedicato alla Santa Vergine Maria. 

Questo territorio da al visitatore la possibilità non solo di scoprire i monumenti e i siti più antichi ma anche il favoloso paesaggio nel deserto e quello del suo tratto di Mar Mediterraneo. Nuovi resort e villaggi turistici, stanno nascendo sul lungomare che porta ad El Alamein. Le acque dal colore cristallino, la spiaggia di sabbia fine e un litorale frastagliato con profonde insenature, connotano la costa settentrionale dell’Egitto. 

sacrario El alamein

La città di El Alamein, con il suo sacrario militare italiano, accoglie i resti dei giovani caduti nello scontro tra Impero britannico e forze-italo tedesche durante la seconda guerra mondiale. Il percorso di 111 km per giungere a El Alamein dura un paio d’ore da Alessandria e chi ama la storia non resterà deluso. Il sacrario militare italiano porta una firma illustre: il progetto e la realizzazione furono curati negli Anni Cinquanta dallo scrittore Paolo Caccia Dominioni, autore (fra le altre opere) del libro «El Alamein», la battaglia da lui vissuta. Dentro ci sono le spoglie dei nostri 5.200 soldati caduti, ma solo metà delle nicchie portano nome e grado del milite, mentre sulle altre c’è scritto «Ignoto». C’è anche un busto dello stesso Dominioni. Una zona è riservata ai 232 ascari libici che hanno combattuto e sono morti per il Tricolore.

Antonio Vanzillotta

tenniscamp3RACCHETTE IN CAMPO E TANTO DIVERTIMENTO AL PARCO ENRICO MATTEI

 

Lo staff di San Donato Tennis organizza la seconda edizione del Tennis Camp Estivo con
frequenza settimanale a partire da lunedì 10 giugno al 27 luglio e dal 3 al 7 settembre 2019. Ideato per far vivere ai partecipanti tenniscamp
una stimolante esperienza tennistica in mezzo al verde e in un clima disteso e divertente, Il Tennis Camp è rivolto ai bambini e ragazzi dai 6 ai 16 anni
di ogni livello di gioco, dai principanti ai piu esperti, fino all'agonismo. Non solo tennis però: oltre alle alezioni sono previste attività ludiche e
ricreative.
Per far si che ci sia un approfondimento di gioco è previsto un numero chiuso di partecipanti (min. 20 – max 50) e al termine, il rilascio di un attestato di partecipazione.
In campo l'obiettivo sarà:
• Insegnamento e sviluppo dei colpi fondamentali
• Match di singolo e di doppio
• Video analisi
• Tornei di fine settimana
• Preparazione fisica
• Relax e divertimento
• Pranzo presso il Trefor Cafè in via Triulziana, 8 SDM

Le lezioni si svolgeranno presso i campi da tennis del Parco Enrico Mattei di via Caviaga 4 a San Donato Milanese.
In caso di maltempo le attività saranno svolte al coperto.
I costi (settimanali) variano secondo le esigenze e le ore di lezione: 160 euro giornata piena, pranzo incluso; 100 euro mezza giornata, pranzo incluso
Uno sconto verrà applicato ad altri fratelli egli iscritti e dalla 3° settimana di frequenza.

San Donato Tennis asd è un'associazione sportiva dilettantistica nata nel 2011 per poter dar continuità alla sezione tennis già seguita da diversi anni.

L'associazione si occupa di divulgare e promuovere lo sport del tennis attraverso l'organizzazione di corsi rivolti a bambini e adulti sia principianti sia progrediti.

Al suo interno si è sviluppata un buon settore agonistico i cui atleti sono ai vertici della 4^ categoria (alcuni già con punti per passare alla 3^).

Il circolo partecipa ai campionati Fit (federazione Italiana Tennis) con una squadra maschile e una femminile.

PRESIDENTE DELL'ASSOCIAZIONE E ISTRUTTORE: RICCARDO MESSINA

VICEPRESIDENTE E ISTRUTTORE: PAOLO MOSCA

ISTRUTTORE: GIANLUCA BIANCHI

Info:
Facebook San-Donato-Tennis-SSD

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. - tel.393 828 9297

La Redazione

 

 

Gli italiani amano soprattutto le località sul Mar Rosso e le sempre attuali località archeologiche: Giza, Cairo e Luxor.

Motivo della scelta, oltre alla bellezza dei luoghi, è la convenienza economica di queste mete a portata di mano e, per gli amanti dell’arte e della cultura c’è nella terra dei Faraoni.Il Cairo, capitale dell'Egitto, sorge sul fiume Nilo.
Nel cuore della città si trovano piazza Tahrir, la torre del Cairo alta 187 m, che consente di ammirare il panorama della città. Inoltre, il grande Museo egizio, con le collezioni di reperti storici tra cui le mummie reali e gli oggetti d'oro del faraone Tutankhamun.
Su una collina in cima alla città si trova la Cittadella, una fortezza medievale sede della moschea ottomana di Muhammad Ali.
Quest'ultima domina il quartiere del Cairo islamico, le cui strade tortuose sono caratterizzate da importanti edifici come la Moschea di Al-Azhar del X secolo e l’imponente porta Bab Zuweila.
Qui si trova anche il vivace bazar di Khan el-Khalili e il Museo di arte islamica.

I maggiori punti di interesse della zona del Cairo copto sono la Fortezza di Babilonia, di epoca romana, la chiesa della Santa Vergine Maria, conosciuta anche come "La sospesa", e il Museo copto dove sono esposti oggetti antichi dell’Egitto cristiano. La sera, i numerosi ahwas (caffè tradizionali) sono al centro della vita sociale.
Data la vastità del territorio e le lunghe distanze tra una meta e l'altra, per i turisti sia in gruppo che individuali è consigliata una guida con l'autista.
Una  guida è necessaria inoltre per accedere ai siti archeologici e spiegarci bellezze e aneddoti di questo Paese. L'ospitalità è sacra ed il turista in qualsiasi situazione è messo sempre a proprio agio. 

118 piramidi sono sparse in tutto l’Egitto, di cui 9 solo a Giza. A dividere il governatorato di Giza da quello del Cairo c'è la Sfinge. 
Le piramidi del governatorato di Giza sono spettacolari, la percezione delle reali dimensioni di questi monumenti si può avere solo venendo qui; sono piramidi geometricamente sorprendenti, perfettamente orientate rispetto ai punti cardinali, disposte come le tre principali stelle della cintura di Orione (così si narra...).
All’interno sono completamente spoglie, nessuna scritta, nessun riferimento a chi dovrebbe esserci stato sepolto.
La piramide di Cheope è quella più grande, detta anche "Grande Piramide" ed unica meraviglia del mondo antico ancora esistente.

Antonio Vanzillotta

 chefingree

Inaugurazione Chef in Green 2019

Nella splendida cornice del Castello di Tolcinasco Golf Club si è svolta, lunedì 29 aprile 2019, la tappa inaugurale della nuova stagione del circuito Chef in Green 2019 evento itinerante giunto alla sua 5° edizione che unisce l’eccellenza della ristorazione al mondo del golf.

Un successo quello del torneo che di anno in anno non solo si è consolidato, ma che è anche cresciuto attirando fedelissimi e giocatori sempre nuovi.  Sono stati infatti oltre 40 gli Chef provenienti da cucine prestigiose di tutta Italia che si sono affrontati sul green in un pomeriggio soleggiato e ricco di emozioni per tutti i partecipanti.

Dopo un aperitivo e le premiazioni a bordo piscina della golf house, la sera è proseguita in grande stile un’esclusiva “Gourmet dinner” firmata a più mani.

Lo Presti Benvenuto ll giovane chef Giuseppe Lo Presti del ristorante Il Casale, consigliato nella guida Michelin 2018 e Cristian Benvenuto, chef e patron del ristorante La Filanda a Macherio hanno firmato gli antipasti.

Fitarau

Per i primi, Sebastian Fitarau del ristorante Locanda Sensi di Rivergaro che con la sua passione per i prodotti a km 0 ha servito un piatto ricco di colori e sapori capace di conquistare i palati fin dal primo assaggio e Gianluca Rosano Chef del Ristorante Otivm di Milano che nella sua cucina mixa sapientemente la tradizione meneghina con le influenze asiatiche e sudamericane.

Il giovane e intraprendente Pasquale Frigoli , Chef  del ristorante Bistruccio  a Milano a testimonianza della sua creatività con il suo Filetto di Rombo, placnton nero di seppia e piselli novelli.

Moschella

 

Il pastry-chef Nicolò Moschella, considerato tra i nomi emergenti della pasticceria moderna e premiato come Top Italian Talent Chef 2018 ha concluso la serata deliziando tutti i commensali con la sua Seduzione, una sfera di mousse al cioccolato al latte, chablon al cioccolato, nocciola caramellata e base crumble

 

 

 

 

Impeccabile padrona di casa Roberta Candus, ideatrice della manifestazionedirettore di Golf & Gusto ed esperta del mondo della ristorazione.

Prossima tappa il 19 e 20 maggio al Golf Club Dolomiti dove drive, putt e forchetta si incontreranno nuovamente per dare vita ad una giornata a tutto gusto ricca di emozioni.

Per info: Castello Tolcinasco Golf Club

Località Tolcinasco, Pieve Emanuele - Milano

Tel:02 9072 2740 

 

La Redazione

quadro deldott. Franz Baruffaldi Preis

di Antonio Vanzillotta

Nell’ambito degli appuntamenti di Aspettando la 92a Adunata, il  presidente del Comitato Organizzatore Adunata , il Generale Renato Genovese, ha inaugurato al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia “Leonardo Da Vinci” di Milano la mostra fotografica “Il Generale Nobile e il Capitano Sora al Polo Nord”, dichiarando che l’impresa del Capitano Sora incarna lo spirito degli Alpini: sempre pronti quando c’è bisogno.

 


VENERDÌ 17, SABATO 18 e DOMENICA 19 MAGGIO

TRA I TANTI OSPITI ÓLAFUR ARNALDS, ALAN CLARK BOOSTA,  DARDUST… E DANILO REA  con il suo omaggio a Fabrizio De André

pianocit
Dal 17 al  19 maggio 2019 torna PIANO CITY MILANO, il festival di pianoforte che ogni anno (dal 2012) trasforma la città in una grande sala da concerto. Oltre 50 ore di musica e 450 concerti gratuiti animeranno giorno e notte  i molti centri di Milano e la sua ineguagliabile misura umana di quartieri, case, terrazze, grattacieli, parchi, giardini, cortili, gallerie d’arte e teatri. Un festival aperto e partecipativo che ruota anche quest’anno su due perni principali: ilP iano Center della GAM per i concerti diurni e serali e il Piano Center della Palazzina Liberty per quelli notturni.

PIANOCITY ph federica cicuttini 4 b
Piano City Milano 2019 è scoprire la città attraverso la musica del pianoforte, è perdersi tra le vie del centro e spingersi ovunque nelle città e nelle periferie per ascoltare pianisti di fama mondiale e talenti italiani, e ancora godersi un concerto all’alba in un luogo speciale e trascorrere la notte sotto le stelle con artisti internazionali. Per questa ottava edizione, Piano City Milano ha deciso di partire dalle piazze del Piano Quartieri del Comune edaicambiamentidellacittàperraccontareinmodoinnovativounfestival che è diventato un punto di riferimento per Milano e i suoi cittadini.

Piano City Milano è un progetto di Associazione Piano City Milano con Comune di Milano, a cura di Ponderosa Music & Art e Accapiù; con il sostegno dei main partner Intesa Sanpaolo, Campari Soda, del partner Volvo, la collaborazione istituzionale di Fondazione Cariplo e dei partner tecnici Steinway & Sons, Fazioli, Furcht/Kawai, Griffa & Figli, Passadori Pianoforti, Steingraeber & Söhne, Tagliabue, Tarantino Pianoforti, Schimmel, Scorticati Pianoforti e AIARP che mettono a disposizione gli strumenti. Si rinnova anche per l’edizione 2019 la partnership con Corriere della Sera e ViviMilano.


Venerdì 17 maggio alle 21.00 sarà il pianista islandese Ólafur Arnalds a inaugurare il festival sul palco del Main Stage della Galleria d’Arte Moderna – Villa Reale. Arnalds porterà le suggestioni della natura estremisticadellasuaisoladirettamentenelcentrodiMilano,attraversolasuamusicasperimentalechespazia tra folk ed elettronica. Sarà un concerto spettacolare che prenderà vita intorno a trepianoforti.

Il Main Stage della GAM è teatro di concerti serali di musicisti internazionali.
Sabato 18 maggio alle ore 19.15 apre Henri Herbert, uno dei più ricercati pianisti di boogie woogie al mondo, seguito alle ore 20.20 da Alan Clark, genio ribelle del pianoforte e celebre tastierista dei Dire Straits, di Eric Clapton e di Bob Dylan. Chiudono la serata Christian Sands, tra i pianisti jazz più apprezzati per swing e fraseggio, che salirà sul palco alle ore 21.25 e Davide “Boosta” Di Leo, fondatore e storico membro dei Subsonica, che alle 22.30 si esibirà con una composizione scritta per l’occasione e dedicata all’anniversario dell’allunaggio.

Domenica 19 maggio alle 19.15 sale sul palco l’energia esplosiva del ritmo cubano di Ramon Valle, seguito alle 20.20 dal flamenco di Pablo Rubén Maldonado. Alle 21.25 è la volta del giovane talento franco-libanese Rami Khalife, apprezzato a livello internazionale per la fusione tra musica pianistica ed elettronica. Chiude la serata alle 22.30 Danilo Rea, tra i maggiori pianisti jazz italiani, con il suo omaggio a Fabrizio De André.

La Galleria d’Arte Moderna, o anche Piano Center Diurno, è il cuore di Piano City Milano anche durante il giorno: nelle postazioni Piano Laghetto e Piano Giardino si alternano programmi classici, jazz e qualche sorpresa.

PIANO CITY NO STOP. PIANO CENTER NOTTURNO E ALBE
I concerti di Piano City Milano proseguono anche di notte, presso la Palazzina Liberty, che si trasforma nel Piano Center Notturno e ospita esibizioni che conciliano pianoforte ed elettronica, tecnica e sperimentazione. I concerti potranno essere anche ascoltati nel parco attraverso l’utilizzo di cuffie wireless SILENTSYSTEM, per permettere agli ascoltatori di immergersi nella bellezza della musica sotto la luce della luna piena.

Il programma della notte tra venerdì 17 e sabato 18 si apre allo scoccare della mezzanotte con Bill Laurance, pianista degli Snarky Puppy e sperimentatore, cui seguiranno Hania Rani all’1.00 con musiche ispirate ai paesaggi islandesi e Chad Lawson alle 2.00 con la sua commistione tra musica classica e free form del jazz improvvisato. Chiude Lambert, alle 3.00, il pianista tedesco che cela la sua figura dietro una maschera sarda. La notte tra sabato 18 e domenica 19 invece, verrà allietata dalle colonne sonore originali di Roger Eno, che salirà sul palco a mezzanotte, da Shida Shahabi, pianista svedese di origini persiane che ama il punk che si esibisce all’1.00, e dai suoni sperimentali di Belle Chen alle 2.00. Si chiude alle 3.00 con Roberto Negro, italiano che vive a Parigi, rivelazione del jazz.

A Piano City Milano quest’anno il sole sorge alle spalle della suggestiva basilica di Santa Maria delle Grazie e del suo Refettorio, famoso per conservare il Cenacolo Vinciano, patrimonio dell’Unesco. Nell’anno delle celebrazionidiLeonardo,laprimaalbasilevaconAlexandraStréliski,compositricefranco-canadesedimusica neoclassica che porterà immagini ricche e cinematiche nella mente degli ascoltatori. Il giorno seguente, le note del pianista italo-turco Francesco Taskayali risuoneranno alle 5.00 sullo sfondo del monumentale Cavallo di Leonardo all’Ippodromo Snai SanSiro.

CONCERTI DIFFUSI. DA NOLO A ROGOREDO, DA GRATOSOGLIO A GAE AULENTI
Milano è una metropoli mutevole che continua a cambiare giorno dopo giorno e che nasconde, ad occhi indiscreti, piccoli tesori tra angoli e quartieri. Come ogni anno, lo scopo di Piano City Milano è quello di unire tutti i quartieri della città meneghina attraverso nuovi percorsi e suggestivi ritrovi. Quest’anno, il festival di pianoforte raggiunge il quartiere NoLo, in occasione della prima edizione di BienNoLo, la biennale d’arte contemporanea che si terrà nel suggestivo ex Laboratorio Panettoni Giovanni Cova.

Uno dei concerti più sentiti di questa edizione sarà al Bosco di Rogoredo:un evento dal forte impatto simbolico in un importante spazio verde milanese che di giorno in giorno viene sottratto all’illegalità con un intenso lavoro di istituzioni, autorità e associazioni. Protagonista sarà Emanuele Misuraca alle ore 16.00 di domenica 19 maggio.

IlconcertodiRogoredononèilsolochedimostral’interessesocialediPianoCityMilano.Fraimoltidasegnalare spicca il concerto organizzato presso il Centro di Accoglienza per Richiedenti Asilo di Via Corelli, dove il duo Metamorphosis – Frederico e Valeria si esibirà con musiche tra otto e novecento, in collaborazione con Croce Rossa Italiana Comitato Milano. L’appuntamento è sabato 18 alle20.00.

Un altro importante concerto nelle periferie urbane è quello di Dardust a Gratosoglio. Con le simboliche torri sullosfondo,ilpianistaeproduttoreDarioFainisicimenteràdomenica19maggioalleore19.30inunconcerto di musiche originali, descritto come un racconto in piano solo dei suoi Viaggi musicali.

Piano City Milano è caratteristico per il suo fitto programma di concerti all’aperto, ma in alcune occasioni entra in strutture dal forte valore istituzionale o simbolico. Nell’ottava edizione sono previsti due concerti presso la Casa Circondariale San Vittore “Francesco Di Cataldo”, dove si esibiranno Simone Quatrana ed Ettore Bove,tre concerti presso il Palazzo di Giustizia di Milano e infine il concerto di Scipione Sangiovanni presso il Comando Legione Lombardia e Comando Provinciale Carabinieri Milano di Via delle Moscova21.

L’itinerario tra i luoghi di Piano City Milano continua sulle terrazze dello skyline meneghino, come quella del Belvedere Enzo Jannacci di Palazzo Pirelli, grazie al Consiglio Regionale della Lombardia, con i pianisti Vincenzo Balzani e Elisa D’Auria domenica 19 maggio, e la terrazza al 38° piano di Palazzo Lombardia, con i due concerti al tramonto, quello a quattro mani di Katarzyna Preisner e Grana Dikanovic e quello di Remo Anzovino, recente Nastro d’Argento; e ancora protagonisti saranno la Rotonda della Besana e il Piazzale Donne Partigiane con l’omaggio a Ennio Morricone di Marcelo Cesena. Infine, uno degli spazi più caratteristici dello skyline milanese fa da sfondo a un programma di concerti a due pianoforti: Maddalena Giacopuzzi insieme a Eleonora Weghere Francesco Grillo con Elisa Tomellini,con un concerto tra classica e jazz, in collaborazione con CityLife Shopping District, suoneranno infatti al centro di Piazza Tre Torri la domenica pomeriggio.

Tra conferme e novità, l’ottava edizione di Piano City Milano verrà ricordata anche per l’approdo del festival in un luogo simbolo della città, il Cortile della Rocchetta, uno degli spazi più suggestivi del Castello Sforzesco. Festival dentro il festival, il programma dei concerti previsti per la mattina del sabato 18 all’interno del Cortile della Rocchetta si apre con il concerto del duo pianistico Nicoletta & Angela Feola, dedicato a Leonardo da Vinci,per proseguire con Silas Bassa,uno degli ospit iinternazionali più apprezzati,e chiudere con Giuseppina Torre, pianista e compositrice conosciuta e premiata negli Stati Uniti, che si esibisce con brani del proprio repertorio, anticipando alcune composizioni dell’album di prossimauscita.

Altro luogo che quest’anno entra a far parte della famiglia di Piano City Milano è la Stazione Centrale, che ospita nell’anteprima di venerdì pomeriggio il concerto Orient Express. Sempre in zona Centrale, venerdì pomeriggio la terrazza di Hilton Milan ospiterà Demian Dorelli e Davide Corini.

Da segnalare anche i quattro concerti speciali in collaborazione con MM SpA, che coinvolgeranno gli abitanti nei cortili delle case, i bambini e i diversi quartieri della città e trasformeranno il festival in un’occasione di condivisione.I concerti sono quelli di Simone Sassu,Nicola Virgili,Dario Lutrino e il Duo Le Muse con Giochi  in Musica.

Il festival darà spazio anche alle arti a Palazzo Reale, dove venerdì 17 inaugura la mostra installazione Bianco Nero Piano Forte progettata da Mara Cantoni, Luigi Ceccarelli, Silvia Lelli e Roberto Masotti (dal 17 al 26 maggio, info su www.palazzorealemilano.it).

PROGRAMMI E PIANOFORTI SPECIALI
Anche quest’anno Piano City Milano offre delle esperienze di ascolto e di approfondimento monografico, perfettamente equilibrati tra storia e contemporaneità: sabato dalle 12.00 la maratona romantica dedicata a Clara Wieck nel bicentenario della sua nascita con sei ore dedicate alla sua musica e a brani di Schumann e Brahms, eseguite dai talenti del conservatorio G. Donizetti di Bergamo alla Fonderia Napoleonica Eugenia; domenica dalle 10.00 presso la Palazzina Liberty verranno eseguite per intero tutte le danze di Schubert; chiude la sezione dei focus dedicati alla musica del passato una serie di concerti con dei pianoforti storici, tra cuiquellodiLisztconservatoalMuseoTeatraledellaScalaealtriportatiperl’occasionealMuseoNazionale dellaScienzaedellaTecnologiaL.DaVinci,dovesiesibiràlostoricoduoBrunoCaninoeAntonioBallista.

Altri tre eventi monografici sono invece incentrati sulla musica contemporanea, con l’esecuzione dell’intera produzione pianistica di Mauricio Kagel presso la Fonderia Napoleonica Eugenia, un concerto per la mostra dedicata ad Anna Maria Maiolino con Emanuele Torquati al Padiglione d’Arte Contemporanea e il concerto dell’orchestra di giovanissimi deiToyPiano,che prevede l’esecuzione del brano“Nyman’sGoldberg” scritto da Michael Nyman appositamente per Piano City Milano 2019, in occasione dei festeggiamenti dei suoi 75 anni, presso il centro diurno dellaGAM.

PianoCity Milano torna a offrire, in collaborazione con Corriere della Sera, le Piano Lesson, incontri ravvicinati per svelare al pubblico i trucchi del mestiere con grandi maestri d ’eccezione:Ciro Longobardi presenta il Catalogue d’Oiseaux di Oliver Messiaen, Vittorio Cosma, noto tastierista di Elio e Le Storie Tese e di altri grandi della musica italiana, intraprenderà un discorso con il critico musicale Enzo Gentile; Francesco Libetta dedicherà il suo spazio alle danze dell’Ottocento e del Novecento con Giulio Galimberti; Michele Gamba, il noto direttore d’orchestra, torna al pianoforte specialmente per Piano City Milano con le Variazioni Diabelli, e ancora Alfonso Alberti, Stefania Neonato e Roberto Prosseda. Gli incontri si terranno al Teatro Gerolamo, al Museo della Scienza e della Tecnologia e alla Casa degliAtellani.

Al centro della filosofia di Piano City Milano c’è l’inclusione, nella fitta rete di concerti, di appuntamenti dedicati ai giovani talenti, sia in termini di offrire la possibilità di esibirsi alle eccellenze del territorio nazionale, sia di riservare spazi musicali ai ragazzi, dai più grandi ai più piccoli.

Hermès Italie collabora con PianoCity Milano per il sostegno dei talenti.Ha iniziato questo percorso a Palermo, prosegue ora a Milano,con lo scopo di valorizzare giovani più meritevoli. Per PianoCity Milano Hermès Italie si fa promotore dell’assegnazione di due Premi Speciali Hermès nell’ambito del Premio Piano City Milano Renato Sellani, i cui artisti vincitori, Alessandro Viggiano e Thomas Umbaca, si esibiranno durante il festival, rispettivamente a Fondazione Pini eBienNoLo.

Gli altri vincitori de Premio Renato Sellani,organizzato dalla Civica Scuola di Musica C.Abbado,si esibiranno, come ormai tradizione,a Villa Simonetta.Gli studenti della scuola si esibiranno inoltre alla portineria di quartiere di BASE Milano, in collaborazione con Humanitas San Pio X, e in diversi luoghi in via MacMahon.

Il Conservatorio di Musica“G.Verdi”di Milano,in collaborazione con la Primavera di Baggio,curerà i concerti

di Gabriele Duranti,Davide Ranaldi,Umberto Ruboni, Diego Petrella,Luigi Denaro e Denis Malakhov alla Chiesa Vecchia di S. Apollinare a Baggio.

Altre eccellenze che Piano City Milano ospita quest’anno sono i migliori allievi dell’Accademia Pianistica “Incontri col Maestro” di Imola, dell’Accademia del Ridotto e il Vincitore del Premio Internazionale “Giuseppe Martucci” 2019.

Accanto alle eccellenze, Piano City Milano ha a cuore l’educazione alla musica dei più giovani e anche quest’anno sono molte le iniziative, i laboratori e le lezioni che coinvolgono i più piccoli. Da segnalare nella Scuola Infanzia Pier Capponi il concerto Children’s Songs eseguito da Ricciarda Belgiojoso in collaborazione con Diamo il La e il concerto alla Rotonda della Besana dei giovanissimi vincitori del concorso “Brin d’Herbe”, in collaborazione con Orléans Concours International e MUBA.

PIANO CITY SOSTENIBILE
Uno degli obiettivi di Piano City Milano è la salvaguardia della sostenibilità: quest’anno, oltre al già conosciuto Piano Tandem (con concerti itineranti tra Brera, San Babila e Duomo in collaborazione con DoDo), arriva PianoRisciò,novità a quattro ruote e pedalata assistita,che sarà possibile scoprire al Parco Biblioteca degli Alberi.L’edizione 2019 sarà inoltre la prima del festival costruita“plasticless”,cercando cioè di ridurre al minimo i consumi di materiali plastici grazie alla consulenza e al supporto di LifeGate con il suo progetto LifeGate PlasticLess®. ATM Milano si conferma mobility partner del festival. La collaborazione con l’Azienda Trasporti Milanesi si arricchisce di tre concerti all’interno della sede ATM di ForoBuonaparte.

PARTNERSHIP
In collaborazione con Intesa Sanpaolo, partner storico di Piano City Milano, la musica entra dentro le filiali bancarie e i luoghi non convenzionali, raccontando la storia di un’azienda che ha sempre compreso la natura del festival. Oltre alle sedi ormai confermate ogni anno, come le filiali di Via Verdi, Piazza Diaz e Piazza Cordusio, quest’anno si aggiunge il Refettorio Ambrosiano. Tra gli appuntamenti di maggior rilievo, un omaggio alla musica dei Queen di Gabriele Baldocci venerdì alle 17.30 presso la filiale di Via Verdi. Sabato mattina, invece, le filiali di Piazza Diaz e di Piazza Cordusio saranno aperte per i concerti di Antonio Davi e Laura e Beatrice Puiu, mentre Ginevra Costantini Negri, giovanissima pianista insignita “Alfiere della Repubblica Italiana” e inserita tra i giovani leader del futuro per la sezione musica della classifica stilata da Forbes, si esibirà domenica 19 maggio alle 10.00 al Refettorio Ambrosiano.

Campari Soda, brand indissolubilmente legato alla città di Milano, porta per la prima volta a Piano City il suo aperitivo#senzaetichette,un rito di appartenenza che celebra i valori della condivisione e della socialità ntutte le sue forme. Presentandosi con un’immagine e un logo totalmente rinnovati, il brand propone un percorso che coinvolge tutti i sensi, accompagnato da un bar Campari Soda al Piano Center della GAM, dieci Red Pianos Campari Soda, che saranno presentati la sera dell’inaugurazione per essere poi diffusi e messi a disposizione del pubblico in diversi luoghi della città, otto City Concerts al tramonto, con protagonista lo Steinway D Red, e tre House Concert in altrettante Glamour House durante i quali gustare l’aperitivo perfetto.

Industriali Elpidia Giardina,  alle ore 20.00 di sabato 18 maggio suonerà un tributo ai Pink Floyd. Nel quartiere CityLife, e precisamente in Piazza Elsa Morante, suoneranno la pianista giapponese Yuko Ito, “sorvegliata” dalla imponente torre costruita da Arata Isozaki e la pianista Virginia Guastella. Tra gli appuntamenti da ricordare,domenica19 maggio alle19.00 inPiazza delle Rimembranze il pianista Fabrizio Grecchi suonerà un piano solo dedicato al cinquantennale dell’uscita del disco Abbey Road dei Beatles, contemporaneamente in Piazza Gae Aulenti Danilo Remo Venturoli suonerà le canzoni più famose di Vasco Rossi in chiave jazz e a seguire il boogie-woogie di Silvan Zingg. Protagoniste saranno anche le Colonne di San Lorenzo con il concerto di AngeloTrabace e la Piazza Sant’Alessandro,con la dedica a Luigi Pestalozza del milanese Enrico Intra.

Il festival torna al Volvo Studio Milano, nuovo punto di riferimento della città più moderna. Chiamato a una funzione di divulgazione della cultura attraverso eventi che si basano sulla condivisione dei valori del marchio, il Volvo Studio Milano accoglie il pubblico in un ambiente tipicamente scandinavo (con addirittura i colori di un’aurora boreale riprodotti da uno speciale soffitto con luci a led) nel quale si sviluppano proposte che contaminano arte, design, gusto e musica. Qui Piano City Milano ha trovato la sua base a Porta Nuova e presenta quattro artisti che arrivano da Germania, Italia, Corea e Spagna e faranno esplorare i diversi mondi musicali del festival, dalla classica all’elettronica, dalla musica contemporanea ai classici del pop. A suonare sotto il magico cielo svedese saranno SunHeeYou,Martin Kohlstedt, Marta Cascales Alimbau e Francesco Parrino.

Sonorità classiche,rock e contemporanee si incontrano al di sopra di unodei luoghi della movida milanese.Red Bull apre a quattro pianisti il suo rooftop tra il Naviglio Grande e il Naviglio Pavese: sabato 18 maggio dalle
17.00 alle 20.00 suoneranno Elena Chiavegato, Davide Montalenti, Ottavia Marini e Roberto Franca. Red Bull presenta inoltre il concerto di Lazza, il rapper pianista che domenica 19 maggio alle ore 19:00 presso la Palazzina Liberty si esibirà con “Re Mida Piano Version”, una versione al pianoforte del suo ultimo album “Re Mida” (inforedbull.com/pianocity).

In occasione dell’arrivo nei cinema dal 22 maggio del nuovo lungometraggio Disney live action “Aladdin”, si terrà al Parco Monte Stella uno speciale concerto di Vittorio Rabagliati e Carlotta Lusa, in collaborazione con LaVerdi, in cui il pubblico del festival potrà immergersi nelle magiche atmosfere del film. L’evento sarà arricchito inoltre dalle inconfondibili note di altri celebri film Disney come “Il Re Leone”, “Frozen – Il Regno di Ghiaccio” e “Star Wars”, che torneranno al cinema nei prossimi mesi con nuove attesissime avventure.

HOUSE CONCERT E FUORI PORTA
Come per le edizioni precedenti, anche quest'anno il cuore della manifestazione saranno gli House Concert e i Concerti in cortile, che trasformano eccezionalmente gli spazi domestici e i cortili privati in luoghi d'incontro e di performance musicali. Sessanta concerti (a ingresso gratuito, previa prenotazione) animeranno le realtà residenziali dei tanti milanesi che hanno deciso di mettere a disposizione del pubblico le proprie case e i propri cortili condominiali, arricchendo il palinsesto di Piano City Milano2019.

Il festival arriva anche Fuori Porta e allarga i suoi confini anno dopo anno: sempre più numerose sono le amministrazioni pubbliche e le istituzioni culturali regionali che producono eventi in occasione del festival dall’Arengario di Monza all’Oasi WWF di Vanzago fino al lungo lago di Como, passando da Brescia o dall’AeroportodiMalpensa.Un’occasioneinpiùperscoprirelebellezzedellaregioneLombardia,anchegrazie alla collaborazione con inLOMBARDIA, il brand di Regione Lombardia e del sistema camerale lombardo, che sarà presente con un punto informativo presso il Piano Center inGam.

MEDIA PARTNER
I Media Partner dell’ottava edizione dell’evento sono Radio Monte Carlo, Classica HD, ViviMilano, Grandi Stazioni Retail, Amadeus, Zero e Pianosolo, che guideranno con i loro consigli i lettori e gli ascoltatori attraverso il ricco programma del festival.

ASSOCIAZIONE PIANO CITY MILANO
Con la direzione artistica di Ricciarda Belgiojoso e Titti Santini, Piano City Milano è un progetto di AssociazionePianoCityMilanoconComunediMilano,acuradiPonderosaMusic&ArteAccapiù.Piano City Milano nasce nel 2012 in un momento cruciale per Milano, quando la città si riapriva ai cittadini e a nuovi influssi e sperimentazioni urbane e culturali, per diventare la vibrante metropoli europea che è oggi. Fra i fondatori del festival e dell’Associazione,DanielaCattaneo Diaz eTitti Santini,che hanno sempre creduto nel progetto e costruito una rete di partner sostenitori che negli anni hanno investito in Piano City Milano – nell’immaginare una diversa visione di Milano.Tra i soci fondatori dell’Associazione,anche Manuela Rosignoli e Lorenzo Carni, che curano la direzione esecutiva del festival.

INFO E PRENOTAZIONI
Piano City Milano è un’iniziativa musicale e culturale totalmente gratuita.
Per alcuni eventi (segnalati nell’intero programma del festival) è necessario prenotarsi attraverso il sito www.pianocitymilano.it/programma.Le prenotazioni saranno aperte da lunedì 6 maggio (fino ad esaurimentoposti),adeccezionedeiconcertipressolaCasaCircondarialeSanVittore,percuisaràpossibile prenotarsi da giovedì 18 aprile a lunedì 29aprile.

Piano City Milano: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.


La Redazione
ph Federica Cicuttini

livella laser

La primavera è alle porte e come sempre questo è il periodo dell’anno in cui si pensa di fare tutti quei lavori di cui necessita la casa in cui viviamo.

Se decidiamo di effettuarli da soli senza rivolgersi ad un’impresa specializzata occorre ricordare che non basta buona volontà e manualità per sapere come affrontare i lavori in casa da soli, ma serve anche conoscere l’importanza di utilizzare alcuni strumenti utilizzati normalmente dai professionisti.

 

Presentata la nuova collana editoriale e la produzione turistica 2019

 morellini

In arrivo le nuove guide turistiche 2019 firmate Morellini Editore. La presentazione, svoltasi martedì 9 aprile presso il nuovissimo spazio Labò (via Carlo Farini 70, Milano),

ha visto la partecipazione di Sara Pupillo, autrice di "L'Aquila"; Paolo Crespi, autore di "Bordeaux" e Benko Gjata, autore di "Albania e Kosovo".morelli

Mauro Morellini, patron della casa editrice, ha illustrato le innovazioni della produzione turistica del 2019."Negli ultimi cinque anni - ha affermato l'editore - le vendite sono cresciute del 400%.  E' un dato eccezionale, e non riguarda soltanto l'area delle guide turistiche. C'è un alto gradimento per il nostro marchio. Siamo sempre stati all'avanguardia, con una gamma di prodotti editoriali per tutte le esigenze. Le prime guide in Italia a offrire cartaceo + digitale, una collana dedicata alla destinazione dei voli lowcost, un'altra - Guide al femminile - specificatamente pensata per le donne e scritta da donne,ed infine la neonata collana Italia da scoprire dedicata a territori ancora da valorizzare dal panorama editoriale".

Per quest'ultima, si parte da "L'Aquila" di Sara Pupillo (già in libreria dal 28 marzo), cui seguono: la guida alla Capitale Europea della Cultura 2019 "Matera" di Giancarla Babino, "Genova" di William Dello Russo, "Ragusa" di Dolores Carnemolla e "Il Cilento e Salerno" di Nicolò Cesa. In autunno sarà invece la volta di: "Reggio Emilia" di Mattia Placanica, "Piacenza" di Gaetano Rizzuto e Jonne Bertola e "Monferrato, Alessandria e Asti" di Elisa B. Pasino.

Prosegue invece la produzione della storica collana Guide Low Cost dedicata alle città e isole d'Europa: grande accoglienza è stata data  a "Bordeaux" di Paolo Crespi (già in libreria da febbraio) Tra le novità del 2019  "Sofia" di Anna Masetti e "Alonissos e Sporadi" di Ughetta Lacatena, oltre alle nuove edizioni di alcuni best seller della casa editrice: Amburgo, Bilbao, Corfù, Granada, Marsiglia e Zurigo.

La collana Insider porta due nuovi titoli - "Argentina" di Andrea Battaglini ed "Estonia" di Alessio Franconi - e le nuove edizioni di: "Albania e Kosovo" di Benko Gjata e Francesco Vietti e "Armenia e Nagorno Karabakh" di Mauro Morellini.

Infine, per la collana Guide al femminile, collana pensata per le donne e, ovviamente, scritta da autrici donne,  freschi di stampa "Padova al femminile" di Francesca Visentin e "Berlino al femminile" di Giulia Dickmans. 

La vera e importante novità di quest'anno: su tutte le guide sono presenti le estensioni digitali: link QR a video e documentari, playlist Spotify, PDF light.

Morellini Editore è il primo editore di turistica al mondo a sfruttare in maniera così estensiva e integrata le potenzialità del digitale, accompagnando nel contempo le nuove modalità di viaggio e di accesso all'informazione, proseguendo un cammino già avviato con i PDF light collegati a ciascun volume, completi di geolocalizzazione degli indirizzi e link e numeri di telefono attivi (primo editore in Italia).

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Labò – Milano, via C. Farini 70

 

 La Redazione

 

Page 1 of 8
Template Settings

Theme Colors

Blue Red Green Oranges Pink

Layout

Wide Boxed Framed Rounded
Patterns for Layour: Boxed, Framed, Rounded
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…