Redazione

Redazione

Email: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.

 

Sabato 20 luglio 2019, speciale edizione serale del Mercato della Terra per la  biodiversità

 E fino a dicembre 2019 si terrà ogni terza domenica del mese

 padernello

Non un luogo qualunque, non un mercato qualunque. Il luogo è quello di un bellissimo e vero castello medievale, con un ponte levatoio ancora funzionante che, maestoso, emerge dall’acqua del suo fossato: si tratta del Castello di Padernello, a Borgo San Giacomo, nella Bassa Bresciana. Uno spazio in cui il tempo sembra essersi fermato e in cui la vocazione agricola è ancora quella predominante. Il Mercato è quello della Terra, un progetto Slow Food che si basa sulla costruzione di alleanze sul territorio. E i prodotti venduti corrispondono a criteri qualitativi ben precisi. Buono, pulito e giusto: questi i tre aggettivi che riflettono l’obiettivo di valorizzare i prodotti e salvaguardare la storia e la cultura alimentare di una comunità, nonché il paesaggio e il territorio. I produttori mostrano infatti direttamente ai consumatori come oggi sia semplice abbracciare un’idea di spesa più consapevole, che si allontani dalle logiche della Grande Distribuzione. Un mercato a chilometro zero, nato undici anni fa come luogo di scambio del cibo sano, sostegno e vigore dell’economia locale. A un primo gruppo, storico, di prodotti della Bassa Bresciana, si sono poi aggiunti produttori provenienti da territori confinanti e non, ampliando così l’offerta dei prodotti offerti e arricchendo il mercato. L’idea è infatti quella che, salvaguardando l’identità del cibo del territorio e l’agricoltura di prossimità, si possa stimolare la biodiversità delle produzioni agricole. Il Mercato della Terra si tiene sempre la terza domenica del mese, ad eccezione del mese di luglio che cade di sabato sera. I giorni in cui la nuova edizione avrà luogo, sono: il 20 luglio, quando avrà luogo una speciale edizione serale, il 15 settembre, il 20 ottobre, il 17 novembre, il 15 dicembre. Gli appuntamenti si rinnovano di mese in mese, portando a ogni nuovo incontro delle novità. Non solo un mercato, ma un’esperienza che promuove una filosofia genuina.

Il mercato è  anche l’occasione giusta per effettuare una visita guidata e scoprire gli ambienti ricchi di storia e di arte del Castello di Padernello.

Orari visite al Castello

dal Martedì al Venerdì: 9.00 - 12.00 / 14.30 – 17.30

Sabato: 14.30 – 17.30

Domenica: 14.30 – 18.30

Ultimo ingresso un’ora prima della chiusura.

 

Per informazioni e prenotazioni: Fondazione Castello di Padernello

Via Cavour, 1 Padernello -  Borgo san Giacomo (BS) - Tel. 030 9408766

 This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.t -  www.castellodipadernello.it 

 La Redazione

 

 

Losanna in giardino, a tavola e in mostra

lausanne jardins 2019 2000
L'’estate 2019 della capitale del Vaud sarà pennellata da mille colori, immersa nel verde e nelle fragranze floreali. Da giugno a ottobre, torna Lausanne Jardins, evento che delinea un autentico fil vert fra i quartieri cittadini regalando prospettive insolite. Cornice unica di tanti appuntamenti culturali, gastronomici, sportivi, musicali. La nota distintiva di una vacanza fuori da luoghi e spazi comuni, rilassante, adatta ad un pubblico di tutte le età. E, in molti casi, a partecipazione gratuita.
Fino al 12 ottobre Losanna tappezza parchi, ponti, marciapiedi, spazi in superficie (e non) con 31 giardini temporanei, realizzati nella rassegna internazionale in programma ogni 5 anni. Temi chiave dell’edizione 2019 sono l’utilizzo gardenparties 768x508 Copyright Garden Partiesdell’acqua e del suolo pubblico, l’importanza delle aree non ancora cementificate e di quelle sotterranee. Giardini “da vivere”, poetici, didattici che, grazie ad azioni interattive, attività, visite guidate, incontri, laboratori creativi, letture e filmati raccontano la propria storia in rapporto alla città. Oltre ai progetti di celebri architetti del paesaggio, alcuni allestimenti sono nati in collaborazione con gli studenti di prestigiosescuole: ECAL (arte), EPFL (architettura); HEPIA (paesaggio) così da mettere in luce nuovi talenti.

A disposizione del pubblico, una mappa (scaricabile dal sito) che delinea, da est ad ovest della città, due percorsi di visita, uno in superficie ed uno sottoterra. https://lausannejardins.ch
Sul tema del verde pubblico, da ricordare anche le Garden Parties di Losanna, incontri culturali gratuiti in programma dal 20 luglio al 19 agosto


Lausanne à Table, quando l’appetito vien mangiando:
L’agenda della ormai consolidata Lausanne à Table, festa della tavola e della convivialità che anima Losanna fino al 14 dicembre, conta quest’anno 45 eventi e 109 occasioni per Tavole effimere al Museo lausanne à Tablecelebrare, nei modi più diversi, autentici e divertenti, riti, tradizioni e sapori della tavola curati direttamente da artigiani, ristoratori, contadini chiamati a valorizzare i prodotti locali (programma completo sul sito www.lausanneatable.ch). Tra gli eventi di spicco, un déjeunersur l’herbe nel parco dell’Hermitage (6/07); la cucina in tutti gli stati (27/7) ricette del mondo realizzate con prodotti locali; ilPic-Nic del 1° agosto per la Festa Nazionale elvetica; il Brunch con vista (18/8). Originale esordio perle tavole effimere nei musei, che abbina la visita guidata di uno dei 12 musei di Losanna e Pully al la possibilità di cenare fra i suoi tesori, secondo menu a cura di noti chef ispirati al museo stesso. I posti disponibili per le 12 serate verranno tirati a sorte il 1° luglio. Iscrizioni sul sito www.lausanneatable.ch

Arte e cultura in pieno restyling
Lavori in corso per alcune delle principali istituzioni museali di Losanna. La più significativa è Plateforme 10 che entro l’autunno del 2021 riunificherà 3 musei in un nuovo quartiere della cultura, a due passi dalla stazione ferroviaria. Creata ex novo su un’area di 25mila mq sinora chiusa al pubblico, laddove un tempo sorgevano le officine destinate alla manutenzione delle locomotive, il 5 ottobre aprirà inizialmente il nuovo MCBA (Museo delle Belle Arti) progettato dallo studio spagnolo Barozzi/Vega. Per la stessa data è fissata l’inaugurazione di “ATLAS - Cartographiedu don”, prima mostra del nuovo spazio, visitabile fino al 16 febbraio 2020. (www.mcba.ch )
Il nuovo distretto artistico vedrà successivamente la ricollocazione del Musée de l’Elysée, tempio della fotografia, e del Mudac, museo del designwww.plateforme10.ch
E’ chiusa fino al 17 settembre la Collection de l’Art Brut, istituzione unica al mondo che, per volontà del francese Jean Dubuffet, raccoglie opere e manufatti nati dal disagio. Il 18 settembre, il museo riaprirà, dopo una serie di interventi alla struttura, con la mostra “Carlo Zinelli, Recto – Verso”. Esposizione che, fino al 2 febbraio 2020, metterà in luce la figura di questo artista veronese ritenuto uno degli esponenti più rappresentativi de l’Art Brut. Lo stesso Dubuffet, sin dal 1963, ne acquistò numerose opere grazie alla intermediazione de noto psichiatra Vittorino Andreoli, primo sostenitore del valore artistico di Zinelli. (www.artbrut.ch )


In estate, più che mai, la città svela angoli nascosti e lati sconosciuti. Ecco alcuni spunti per visite tra citazioni letterarie e sorprese per i più piccoli.
Viaggio nel tempo a piedi o in bicicletta (volendo anche a noleggio) – L’estate è ideale per ripercorrere la storia di Losanna e dintorni. Lungo le rive del lago, tra il borgo medievale di Lutry e gli scorci floreali che ammantano Morges, si snoda un tracciato di 15 km profilato da belle spiagge, giardini che sfiorano l’acqua, sentieri che si perdono nel verde della collina. Qua e là, resti del sito romano di Lousonna (l’antica Losanna), la necropoli di Vidy e di Chamblandes (4'500 a.C.), i menhir di Lutry (3'000 a.C.), il Castello e il lungolago alberato di Ouchy, sorto sui terreni sottratti al lago per realizzare la zona ricreativa di Vidy, sede dell'Esposizione Nazionale del1964. Spunti per ammirare una Losanna a cavallo del tempo, sospesa fra un passato lontano e quel futuro che è già presente nel campus dell'Università e del Politecnico Federale.
Il lago, primo richiamo turistico della città sin dall’800 che nel 1927 vide aprire i primi stabilimenti balneari, in estate è un’autentica palestra dove dedicarsi a svariate attività o a momenti di sana pigrizia. Il lungolago di Ouchy è la base di partenza per crociere sui battelli della CGN fra cui si distinguono eleganti scafi a vapore (www.cgn.ch ) ; per noleggiare pedalo, kayak, barche elettriche o a energia solare. Ai meno attivi si addicono invece piacevoli soste sulle terrazze estive come la Jetée de la Compagnie, per un po’ di tintarella, un brunch domenicale, una sessione di yoga sul pontile.

Non mancano le passeggiate letterarie: un blocco di case pittoresche sparse su due o tre colline… dominate dalla cattedrale… come una scala dove un pensiero saliva di gradino in gradino e cresceva ad ogni passo. Così Victor Hugo descriveva Losanna, mentre Alexandre Dumas padre la paragonava, con le sue case bianche e i suoi campanili slanciati, a uno stormo di cigni che si scaldano al sole. Sono solo alcuni dei tanti letterati che hanno trovato ispirazione in città. Chi per brevi soggiorni, chi per lunghi periodi, tutti hanno lasciato un ricordo, una traccia che oggi può ricomporre un virtuale percorso letterario. In una stanza dell’attuale Hotel Angleterre&Résidence, Lord Byron scrisse la poesia “Il prigioniero di Chillon”; mentre nella quiete di quella che oggi è Avenue Tissot, Charles Dickens lavorò al romanzo “Dombey and Son”. Nel ‘900, Georges Simenon, che a Losanna visse per circa 30 anni, trovò la vena creativa per svariati romanzi, in particolare “La disparition d’Odile”. Senza dimenticare il veneziano Hugo Pratt che fra le vigne del Lavaux, a Grandvaux (dove ora è sepolto), visse per oltre 10 anni immaginando alcune delle avventure esotiche di Corto Maltese. (www.lausanne-tourisme.ch 
Un omaggio per i piccoli ospiti – E’ un autentico Carnet di Viaggio quello che Lausanne Tourisme ha preparato per i piccoli ospiti, dai 5 ai 10 anni: un kit, completo di colla, matite colorate, temperino e suggerimenti per attività ludiche e creative. I genitori interessati possono ritirarlo presso gli uffici del turismo mostrando la propria Lausanne Transport Card, offerta a chi alloggia in un albergo losannese.www.lausanne-tourisme.ch
 
Giugno – settembre:Lausanne à l’heure d’été è un eclettico e prestigioso cartellone estivo di festival, incontri culturali, passeggiate, atelier. 450 appuntamenti gratuiti fra cui spiccano la Festa della Musica (21 giugno, www.fetemusiquelausanne.ch ) quest’anno all’insegna della diversità; la Notte delle Immagini (22 giugno, www.nuitdesimages.ch); il 48° Festival de la Cité (9 - 14 luglio, www.festivalcite.ch) rassegna multidisciplinare con oltre 90 proposte artistiche; il 23° Festival di Musica Estemporanea (18 - 23 agosto, www.fmil.org) consacrato a riscoperta ed improvvisazioni della musica classica; e l’ormai tradizionale Notte dei Musei, che il 21 settembre, dalle 14 alle 2 di notte, inviterà a scoprire oltre 20 musei e luoghi del Patrimonio di Losanna e dintorni. www.lanuitdesmusees.ch 


20 luglio – 19 agosto: LeGardens Parties, cinque week end d’estate da vivere nella frescura di parchi storici cittadini. Gli appuntamenti gratuiti si rivolgono in particolar modo alle famiglie e vanno dalla danza alla musica, dal cinema all’arte di strada, dal teatro alle cacce al tesoro. www.lausanne.ch 

6 - 8 settembre:Equissima che dal 1994, un meeting che riunisce prove classiche come il concorso d'attacchi (dressage, manovrabilità e maratona) al concorso completo d'equitazione (dressage, salto e cross-country). In programma anche una gara di mascalcia e dimostrazioni di volteggio. www.equissima.ch  


Qualche assaggio per l' Autunno:
20 - 21 settembre: LGTRAIL Ginevra – Losanna, un percorso di oltre 110 km tra le creste del Giura, pascoli, vigne e suggestivi paesaggi del Vaud fino a raggiungere Ginevra e lambire la Francia. La corsa prevede diverse categorie, su varie distanze, per tutte le età e grado di allenamento. Da segnalare la corsa in notturna di 18 km nel cuore di Losanna.www.lgtrail.com
3 - 17 ottobre: 39° Settimana Olimpica, grande festa dello sport che trasforma in un campo sportivo tutta l’area che dal lungolago di Ouchy si estende al Parco ed al Museo Olimpico, fino al Museo de l’Elysée. Per 5 giorni, possibilità per tutti di testare oltre 30 discipline. Novità del 2019, il broomball e il curling. www.olympic.org

Info:

 

www.lausanne-tourisme.ch
www.my-lausanne.com

Lausanne sulle reti sociali:
www.facebook.com/MyLausanne
https://www.instagram.com/mylausanne
www.twitter.com/MyLausanne
www.linkedin.com/company/lausanne-tourisme
#Lausanne #Mylausanne

 

La Redazione

 

 

 

 

18-19 luglio 2019 a Verbania la più grande raccolta di giochi di una volta, tutti da provare

 giochi di una volta
Saranno 300 i giochi, per lo più in legno, con cui ci si potrà divertire e sfidare in 7 piazze del centro storico di Intra. L'iniziativa è patrocinata dalla Città di Verbania
Giochi di abilità, di equilibrio, di movimento, ma anche fortuna e intelligenza: giovedì 18 e venerdì 19 luglio Verbania diventa la capitale italiana dei giochi di una volta con ben 300 giochi tutti da provare.

Dalle ore 16 alle 22 un percorso tra giochi curiosi ed originali, che parte da Piazza Ranzoni a Verbania Intra e si sviluppa in 7 piazze, dove saranno collocate le varie postazioni.
Al momento dell'iscrizione (costo 7 euro - oppure 5 euro con prenotazione on line su www.giochidiunavolta.it - oppure presso i negozi convenzionati del centro storico di Intra) si riceverà un braccialetto per accedere a tutti i giochi ed una piantina della postazioni. In ogni piazza verrà apposto un timbro e al termine del percorso si potrà ritirare il Diploma di giocatore d'eccellenza.

L'iniziativa parte dai commercianti del centro storico di Intra, presso i quali si possono già trovare i braccialetti per partecipare all'iniziativa, con il patrocinio della Città di Verbania.
Collaborano all'organizzazione la Pro Loco di Verbania e lo staff dell'organizzazione della Grotta di Babbo Natale che da 10 anni promuove i giochi di una volta ed ha organizzato la raccolta, la più ricca in Italia, con ben 300 giochi.
Non sarà un'iniziativa solo per i bambini: saranno disponibili anche rompi-capo e giochi matematici per sfide in famiglia o tra amici, ad ogni età.
Per informazioni visitare il sito www.giochidiunavolta.it

La Redazione

aereo

La Grecia è un’ottima meta per tutti!

Con i suoi migliaia di anni di storia, la sua mitologia, la meravigliosa cultura e le antiche rovine la Grecia ricorda un mondo in miniatura, abbellito da maestose isole, villaggi pittoreschi, spiagge stupende, foreste verdeggianti, imponenti montagne e spettacolari fortezze.

DANNO DI IMMAGINE ALLA BIRRA ARTIGIANALE: RAI CONDANNATA A RISARCIRE UNIONBIRRAI

unionbirrai

La sentenza del Giudice di Pace dà ragione all’Associazione dei piccoli birrifici. 
Il risarcimento di 3.000 euro destinato alla promozione della cultura della birra artigianale

Unionbirrai vince la causa intentata contro la RAI. Il Giudice di Pace ha condannato la TV di Stato a risarcire l’Associazione dei piccoli birrifici indipendenti per danno all’immagine e alla reputazione per un ammontare di 3.000 euro più le spese processuali.
L’azione legale, portata avanti dall’avv. Gaetana Russo, è partita a seguito di una puntata della fiction Tutto può succedere andata in onda su RAI 1 il 1 giugno 2017. Due attori, nel corso di un dialogo, avevano pesantemente denigrato una birra artigianale che stavano bevendo, utilizzando termini come “schifo”, “queste birre non valgono quello che costano”, spingendosi fino al paragone con le birre industriali: “prima aveva tutte birre normali, quelle che si trovano, poi si è buttato sulle birre artigianali, vatti a fidare”.
“Il Giudice ha riconosciuto che la conversazione andata in onda era diffamatoria dell’onore e della reputazione di Unionbirrai e della birra artigianale in generale – commenta Vittorio Ferraris, direttore dell’Associazione – Non è la prima volta che ci arrivano attacchi di questo genere, ma questa sentenza costituisce per noi un precedente significativo, molto più importante del risarcimento, che è assolutamente simbolico”. 
La somma del risarcimento verrà interamente utilizzata dall’Associazione per la promozione della cultura della birra artigianale in Italia.

logounionbirraiUnionbirrai
Unionbirrai (UB) è un'associazione nata nel 1999 per tutelare e promuovere i Piccoli Produttori Indipendenti di Birra nel nostro paese.
Dal 2005 organizza "Birra dell'Anno", il concorso che premia le migliori birre artigianali italiane. Sempre dallo stesso anno è anche Membro effettivo dell'EBCU - European Beer Consumers Union, dove oggi è anche componente del Comitato Direttivo.
Nel 2008 viene consolidata l'azione di tutela dei piccoli produttori , con l'accreditamento ufficiale presso l'Agenzia delle Dogane e i vari enti preposti al controllo della produzione di birra: da allora Unionbirrai partecipa attivamente ai tavoli tecnici necessari all'adeguamento normativo relativo alla produzione birraria nel nostro paese.
Oggi Unionbirrai conta 290 piccoli birrifici associati in tutto il paese.

 

 

raccolto del foraging

Nella regione austriaca cuore delle Alpi si dedica grande attenzione ai sapori naturali e all‘utilizzo in cucina di erbe fresche raccolte nella natura locale. Una grande offerta ruota intorno a questa antica tradizione: eventi culinari grandi e piccoli, escursioni a tema e visite ai giardini botanici, ma anche workshop per imparare il “foraging”, ovvero l’arte di foraggiarsi dalla natura e a trasferire le erbe dalla terra alla tavola.


L’incontro con i sapori e la gastronomia del Tirolo austriaco avviene in tanti modi, tutti semplici e naturali, proprio come la sua essenza. Ogni momento della giornata si riempie di sapore e gusto: durante un’escursione in montagna o un evento cittadino, passeggiando per un mercato o un giardino botanico, visitando un caseificio o un produttore di speck, oppure in baita mentre ci si rilassa dopo l’attività sportiva. L’amore per la terra è il motore alla base della tradizione gastronomica tirolese, dall’allevamento all’agricoltura. E a tavola, fin dal primo assaggio, i commensali vivono un viaggio nella natura, ricco di gusto e di piacere, ma anche di scoperta e convivialità.

Conoscere le erba e saperle usare: cucina ed erboristeria:

erbeLa maggior parte delle persone, trovandosi dinanzi a un prato fiorito, non si rende conto del potenziale che vi si nasconde dietro. La natura mette a disposizione una così grande varietà di erbe e fiori, dalle proprietà benefiche e dagli aromi freschi ed intensi, da dispiegare in mille modi, sia in cucina che come essenze nella cura del corpo. Saperle riconoscere e trasformare non è altrettanto naturale. L’ideale è affidarsi all’esperienza di raccoglitori esperti ed erboristi, ad esempio, percorrendo con loro un sentiero escursionistico delle erbe o partecipando a un workshop di cucina naturale o di piante medicinali. Vediamone alcune di seguito.

Nella Valle dello Stubai, Sandra Schönherr, proprietaria della malga Auffangalm, è un’erborista diplomata che sa tutto sulle piante benefiche della zona: le coltiva nel suo orto e le utilizza per i suoi piatti prelibati. Il laboratorio e il giardino erboristico di Sandra Schönherr sono aperti ai visitatori e, a seguire, si preparano oli benefici, miele e aceto aromatico secondo i suoi suggerimenti. Dal centro di Milders, lungo un facile sentiero che attraversa un prato di erbe aromatiche si arriva alla malga Auffangalm in circa due ore.

A Reith in Alpbachtal una semplice passeggiata nell’Orto di lldegarda di Bingen è sufficiente a far rilassare e distendere l’animo. Con spirito d’iniziativa e impegno, nel 2011, un gruppo di donne di Reith ha iniziato la coltivazione di questo paradiso botanico grande 900 metri quadrati, secondo i dettami della monaca tedesca Ildegarda di Bingen. Nel silenzioso orto di Ildegarda, piccoli cartelli in legno illustrano gli effetti delle diverse piante: la mela cotogna fa bene contro il bruciore di stomaco, la piantaggine allevia il prurito delle punture d’insetto, la melissa distende lo stomaco. Le piante sono catalogate in base ai loro benefici così i visitatori sanno immediatamente quale erba è più adatta a curare le varie parti del corpo: respirazione, articolazioni, stato d’animo, pelle, cuore e fegato. Il giardino è aperto al pubblico e ogni mercoledì si organizzano visite guidate.

Altri giardini e orti incantevoli da visitare in Tirolo austriaco sono: il Lechtaler Kräuterhexen, aperto a visite guidate e a seminari di medicina e cucina naturale, e il mondo delle erbe Zammer Kräuterhex di Landeck. Tisane, marmellate e sciroppi ma anche saponi e creme sono alcuni dei prodotti che nascono in questa manifattura. Qui l’erborista Michaela Thöni-Kohler offre corsi, seminari e workshop, anche personalizzati, sul tema delle erbe selvatiche per uso alimentare e sulle piante medicinali.

Nel Kufsteinerland si può andare per erbe con l’erborista Maria Bachmann, durante una passeggiata guidata di un’ora sul sentiero panoramico delle erbe lungo 3 chilometri. Si tratta di un’esperienza per tutti i sensi dove Maria Bachmann condivide le sue conoscenze con i visitatori e spiega le tecniche di raccolto. Le erbe vengono poi lavorate insieme alla malga Aschinger Alm ad un’altitudine di 1000 m per ottenere degli elisir di benessere.

In cucina solo aromi naturali

Lo chef 25enne Michael Ploner, dell’Alpenkomforthotel Central di Nauders, ha una vera passione per le erbe spontanee della sua regione, che ama raccogliere e usare in cucina per reinterpretare antiche ricette. Michael ha imparato l’arte del “Foraging” in Danimarca durante un periodo di lavoro al ristorante Noma di Copenaghen. La cucina naturale dello chef stellato René Redzepi con erbe, fiori, muschi e tutto quello che la natura foraggia, lo ha davvero ispirato a tornare in Tirolo per proseguire la sua passione e cucinare con le erbe autoctone della sua regione. Tra le sue preferite ci sono il romice (una varietà di acetosa), il cumino, il finocchietto di montagna e il timo. Per il raccolto si avvale dell’aiuto di due esperte raccoglitrici di Nauders, Barbara e Rose-Marie Waldegger, che cercano ingredienti per le sue ricette nel bosco sui prati e nei campi, trascorrendo molto tempo nella natura e affidandosi a lei completamente.
Insert alt text here

Il ristorante Kräuterwirtshaus Strumerhof a Matrei in Osttirol non è solo una fattoria di montagna a 1.451 metri affacciato sul Parco Nazionale degli Alti Tauri, ma anche un eccellente ristorante dove provare la cucina agli aromi naturali di Anna Holzer. Questa simpatica signora, ribattezzata simpaticamente “strega dei fiori”, porta in tavola un tripudio di sapori naturali e cucina ai suoi ospiti piatti tipici tirolesi (anche a base di carne e pesce) aromatizzati con erbe della regione. Tra le sue specialità ci sono: gli gnocchi di ortiche, le lasagne al gusto di prato, l’agnello al fieno, semifreddi floreali, sorbetto al sambuco e molto altro ancora. Il suo regno è lo “Stadl”, un paradiso vegetale dove coltiva le sue piante, aperto in estate tutti i giorni ai visitatori.


La fattoria delle erbe aromatiche Sagenschneider’s si trova poco distante da Ried nella Oberinntal (la stessa regione di Michael Ploner). Elisabeth Maaß è la padrona di casa e con le sue erbe aromatiche e officinali rappresenta l’attrazione principale della fattoria. Per la gioia degli ospiti, che non appena entrano in fattoria, vengono avvolti dal profumo speziato delle erbe essiccate. Chi decide di trascorrere una vacanza presso l’agriturismo Sagenschneider’s scopre l’infinito potenziale delle piante: dall’unguento curativo alle squisite tisane, dai distillati inebrianti ai bagni benefici. Inoltre presso l’agriturismo si mangiano molti prodotti fatti in casa: burro, yogurt, latte, uova, carne di manzo, maiale e tacchino, tutto d’allevamento proprio.

Dai profumati pascoli un nobile latte.

Le mucche della Lechtal regalano ogni giorno un latte pregiatissimo usato nella produzione del formaggio naturale al latte di Lechtal. Per assaggiare questa specialità casearia e conoscere il suo segreto di bontà, un itinerario escursionistico porta, sia a piedi che in bicicletta, sui pascoli della Lechtal, fino al caseificio Käserei Sojer. Gli esperti notano la differenza anche nell’aspetto del formaggio, che risulta decisamente più morbido e giallo. Grazie alle fasi di lavorazione dirette, inoltre, si conservano inalterati i preziosi acidi grassi e aromi.

Anche la varietà e la freschezza delle erbe alpine, di cui le mucche si nutrono sui pascoli della Valle di Paznaun, è all’origine del sapore caratteristico e dell’eccellente qualità del formaggio Paznauner Almkäse. Per conoscere gli ingredienti, le condizioni e i metodi di produzione di questa specialità, il modo migliore è intraprendere il Genussroute Paznauner Almkäse e visitare l’Almmuseum Alpe Dias di Kappl. Durante i mesi estivi, giovedì e venerdì, c’è l’opportunità di ammirare il casaro durante la produzione del formaggio e di assaggiare latte, formaggio e burro. La Paznauner Almkäse è disponibile anche nelle osterie, sui mercati e tra gli agricoltori di Paznaun.Tirolerciocolate

Nel Tirol West, il chocolatier Hansjörg Haag lavora alle sue delizie usando esclusivamente il latte di malga della vacca grigio alpina e ingredienti della regione, come per esempio i mirtilli rossi, i distillati o la menta di montagna del Venet. Presso la malga Gogles Alm, nel parco naturale del Kaunergrat, Haag illustra ai visitatori i processi di produzione del suo cioccolato, fornendo interessanti dettagli e degustazioni. Gli escursionisti degustano il sapore del nobile latte di grigio alpina e della panna fresca che oltre ai chicchi di cacao, sono gli ingredienti principali che rendono così speciale il cioccolato Tiroler Edler.


Cucina naturale: non solo erbe. Quando la regionalità diventa arte.

Il Festival KochArt a St. Johann nelle Alpi di Kitzbühel. Lo street food dove degustare specialità regionali rivisitate in chiave internazionale e gourmet.
Si tiene tutta l’estate da aprile ad ottobre ogni primo weekend del mese a St. Johann in Tirol, dalle 10 alle 17 nella piazza principale, e ogni due sabati al mese dalle 10 alle 14 nella città di Kitzbühel. Gli chef dell’associazion KochArt nelle Alpi di Kitzbühel scendono in piazza con i loro food truckers per offrire piatti elaborati con prodotti rigorosamente regionali, come il filetto di trota affogato nel brodo di pomodoro, la zuppa di ravanello con erbe di campo e strudel di ravanello oppure il cosciotto d’agnello cotto con mais. Questo festival è buono e speciale soprattutto perché ogni cibo viene presentato con un’etichetta completa sull’origine degli alimenti, i metodi di produzione e le certificazioni aziendali.

La 25° Olimpiade del Formaggio a Galtür nella Valle di Ischgl- Paznaun. Per assaggiare formaggi da competizione!
Il 28 settembre 2019 il paese di Galtür ospita la 25esima Olimpiade internazionale di Almkäse (il formaggio di malga) con un pubblico di 3.000 ospiti, tutti amanti del formaggio. Più di 100 latterie provenienti da tutto l’arco alpino (Austria, Germania, Italia/Alto Adige e Svizzera) competono in gare di cinque categorie diverse per vincere l’arpa da latte d’oro. I criteri di valutazione che ne sanciscono la qualità sono gli ingredienti regionali, i metodi di lavorazione, l’aspetto dentro e fuori, la consistenza e il gusto. Anche una giuria di bambini contribuisce ad eleggere il formaggio migliore.

 

Per info:

Tel: +43 512 7272-0
This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
www.tirolo.com
www.facebook.com/Tiroloaustriac

 

 

La Redazione


MENTRE LE OMBRE SI ALLUNGANO
La Crus 2019 04 18182223appunti scenici per voci, suoni e immagini

 

A venti anni dalla prima rappresentazione torna in scena lo spettacolo simbolo dell’approccio artistico/avanguardista dei La Crus, capostipite delle performances multidisciplinari di quella stagione rivoluzionaria che fu il rock italiano degli anni ‘90.
Non una reunion, ma la riproposizione di uno spettacolo seminale che ha fatto scuola, aperto scenari nuovi e che ha spostato il percorso dei La Crus verso una forma scenica sempre più vicina a quella propriamente teatrale e multimediale.

Proprio di "appunti scenici" si tratta: rapide tracce di un modo diverso di intendere la scena da parte di un gruppo musicale in costante ricerca, in cui le canzoni rappresentano l’innesco all’esplosione di un mondo fatto di parole, immagini e suoni.
Il gruppo si ripresenta in un'inedita versione a due, Mauro Ermanno Giovanardi e Cesare Malfatti - voce e suoni - in una sorta di immobilità scenica che favorisce il fluire dei ricordi e delle immagini. Riaffiorano innanzitutto le canzoni che hanno segnato la storia del gruppo: da Come ogni volta a Notti bianche, da Dentro me a Nera Signora, da Natale a Milano a L'uomo che non hai -in nuove versioni, ancora più sperimentali e oblique, tra sferzate d'energia e caldo intimismo

Da un gracchiante walkman si diffondono frammenti di voci: versi di Pasolini, Pagliarani, Bufalino, Salinas, Tenco che canta l'amata Angela.
Sullo schermo, come una grande finestra, scorrono le immagini oniriche, campionate dai primi esperimenti di cinema di Man Ray ed elaborate da Francesco Frongia; piccoli film che accompagnano ogni canzone in un emozionato ed emozionante "inventario" di sogni, visioni, delusioni e passioni. Un'ora di poesia, semplicemente.

I La Crus saranno quindi di nuovo insieme unicamente per questo progetto che esce dall'alveo dello spettacolo per entrare in un universo culturale più ampio e stratificato. Un'occasione per rivedere sullo stesso palco le due anime fondanti della band milanese e per ammirare un progetto visionario e anticipatore.

Voce e nastri Mauro Ermanno Giovanardi
Giradischi e chitarra Casare Malfatti
Filmati e regia Francesco Frongia
Audio e luci Gionata Bettini

produzione G-RO srls

TOUR:
6 Luglio Gardone R. (BS) - Parco del Vittoriale - Laghetto delle Danze
04 Agosto Finale Ligure (SV) - Fortezza di Castelfranco - Digital Fiction festival

7 Settembre Ancona - Mole Vanvitelliana - La Mia Generazione Festival
1 Novembre Parma - Casa della Musica 13° edizione festival “Il rumore del lutto”. Parma 2020 capitale della cultura


Info e prenotazioni: TEATRO ELFO PUCCINI, corso Buenos Aires 33 Milano - tel. 02 00660606 – This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. - Biglietti: Intero € 32,50 / rid giovani e anziani € 17 / martedì € 21.50

 

TREJOLIE4Sempre all' Elfo Puccini, Sala Bausch dal 1 al 5 luglio 2019, alle ore 19.30 una comicità surreale: ILLOGICAL SHOW

Uno spettacolo teatrale basato su una comicità surreale (a volte ispirata alla slapstick comedy, altre volte più vicina allo humor inglese), fatta di giustapposizioni e ritmi incalzanti che si mescolano, trascinando lo spettatore in carosello di momenti musicali illogici, danze assurde, improbabili canzoni e dinamiche che si avvicinano al mondo della clownerie. Il rapporto sempre conflittuale dei tre personaggi, che costituisce il principio fondante dello spettacolo, crea un fluido continuo di situazioni comiche e poetiche adatte ad ogni tipo di pubblico e di spazio.
È uno spettacolo che vede sul palco esclusivamente i tre attori, senza l’aiuto di scenografie, in un contesto scenico essenziale, che mette in risalto il divertissement e il gioco di relazioni dei personaggi.

Tomas Leardini, Marcello Mocchi, e Daniele Pitari sono un trio di attori diplomati all’Accademia d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano. Sviluppano, sin da subito, una grande intesa sul palco, condividendo un’ironia che li unisce già durante la formazione accademica. Dopo il diploma, parallelamente ad un percorso individuale che li porta a recitare in diversi teatri italiani, i tre attori formano il gruppo Trejolie con il quale vincono l’edizione 2017 del talent show targato Sky Italia’s got talent. In seguito alla vittoria portano avanti la loro ricerca artistica sulla comicità in teatro, in Tv e sul Web portando avanti progetti personali e diverse collaborazioni.

Ideazione Trejolie

Supervisione registica Liv Ferracchiati

produzione Itc2000


Durata spettacolo: 60' senza intervallo -

Info e prenotazioni: TEATRO ELFO PUCCINI, corso Buenos Aires 33 Milano - tel. 02 00660606 – This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.
Biglietti: Intero € 32,50 / ridotto <25 e >65 € 17 / < 18 € 13,50 / martedì € 21.50

 

La Redazione

 BENVENUTA ESTATE ALLA TENUTA MAZZOLINO
camar mazzolino

 L’arrivo dell’estate porta con sé il caldo, le vacanze e la voglia di vivere all’aria aperta. Anche le nostre abitudini alimentari cambiano: si preferiscono cibi freschi e leggeri, da abbinare a vini meno strutturati, con una gradazione alcolica contenuta, così da soddisfare il palato e risultare perfetti per aperitivi e cene in compagnia.

 Per chi cerca una buona acidità, Mazzolino propone Camarà - un bianco fresco, elegante e armonico, 100% Chardonnay, dalle grandi bevibilità e sapidità, perfetto per accompagnare stuzzichini e tartine, carpacci di pesce, coquillages, primi piatti con verdure di stagione e formaggi a pasta molle freschi o di medio invecchiamento. Con il suo profumo fruttato e avvolgente al palato, Camarà sa offrire quanto di meglio per un calice estivo semplice e spensierato.

 terrazze mazzolino

E i rossi? Chi dice che bisogna dimenticarli durante i mesi estivi. Ci sono molti vini rossi che fanno della finezza e dell’eleganza la loro arma vincente e sono ideali da gustare anche nelle giornate di sole, con l’accortezza di servirli a qualche grado in meno del consigliato. Per brindare all’estate, Mazzolino propone Terrazze, un Pinot Nero in purezza, giovane e fortemente espressivo, dal colore rosso rubino, fresco e autentico. Ideale per primi piatti sia di terra che di mare, carni bianche e rosse in preparazioni leggere e digeribili, pesci a carne grassa come salmone, tonno o rombo, oppure a formaggi a pasta semi-dura di medio invecchiamento. I sentori fruttati e floreali - lampone e melograno con un tocco balsamico e pepato - lo rendono un vino piacevolissimo da bere anche con la bella stagione.

 Per info:

Via Mazzolino, 34, 27050 Mazzolino Corvino San Quirico (Pv)  - Tel0383 876122

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. - www.tenuta-mazzolino.com 

La Redazione

Page 1 of 10

EasyCookieInfo

Template Settings

Theme Colors

Blue Red Green Oranges Pink

Layout

Wide Boxed Framed Rounded
Patterns for Layour: Boxed, Framed, Rounded
Top