Plitvice tra fiumi, laghi e cascate

05 March 2016
(0 votes)
Author :  

Celata tra colline e boschi nell’interno della Dalmazia settentrionale, quasi al confine con la Bosnia Erzegovina, si nasconde una delle più preziose perle naturali della

Croazia e dell’intera penisola balcanica, il parco nazionale del laghi di Plitvice.
Si tratta di uno spettacolare complesso di 16 laghi e laghetti di varie dimensioni, (il maggiore è lungo 4 km), collegati tra di loro da una serie innumerevole di cascate e cascatelle su un dislivello totale di 130 metri.
Plitvice si trova in un tratto sperduto di una straordinaria vallata di 8 chilometri, tra boschi di faggi, pini, aceri, abeti bianchi, salici, ontani, sorbi, carpini e frassini capaci di offrire riparo ad una fauna altrove ormai rara come orsi, lupi, gatti selvatici, cervi, cinghiali, puzzole, martore, lepri, volpi e tassi, nonché un gran numero di uccelli acquatici e silvani come gufi, cuculi, falchi, martin pescatore, aironi, anatre selvatiche, fino alle rare cicogne nere. La vegetazione annovera persino piante carnivore e orchidee selvatiche e, tra gli insetti, bellissime farfalle.
I laghi, alimentati da due torrenti e da sorgenti sotterranee, variano di colore a seconda del mutare della luce, passando dal turchese al verde giada, fino al blu, colori tanto intensi da sembrare finti, con acque sempre incredibilmente limpide e trasparenti fino ad una profondità massima di 46 metri: tra l’altro,nessuno specchio si presenta uguale all’altro.
Il tutto è ammirabile grazie a passerelle di legno, per una lunghezza di 28 km, che sovrastano ruscelli impetuosi o attraversano stagni tranquilli, zigzagando tra alberi sommersi e boschetti di piante rigogliose.
A Plitvice si ha spesso la sensazione di camminare sull’acqua, ascoltando ovunque il rumore ora lieve di un ruscello che scorre placido, ora forte di cascata che precipita fino ad un massimo di 78 metri, (tra l’altro, la più alta della Croazia).
Il parco non offre però soltanto maestosi scenari naturali, ma costituisce uno straordinario esempio biodinamico in continua evoluzione, un laboratorio didattico di fenomeno carsico alla luce del sole.
L’acqua acida per la presenza di vegetazione, tende infatti a sciogliere il carbonato di calcio contenuto nella roccia calcarea e questo minerale, trasformato al contatto con l’aria in bicarbonato di calcio, (un po’quello che succede con le concrezioni nelle grotte), tende a depositarsi sulla vegetazione con cui entra in contatto, soprattutto muschi, dando così vita a novella roccia di travertino.
Si calcola che questo processo, in atto almeno dalla fine dell’ultima glaciazione, crei nuovi strati di roccia che si accrescono per uno spessore fino a 3 cm all’anno: un paesaggio dunque in perenne trasformazione, una singolare interazione tra acqua, roccia e vegetazione.
Questa straordinaria peculiarità geologica, capace di richiamare ogni anno oltre un milione di visitatori, fece sorgere una società di tutela ambientale già nel 1893: poi, nel 1949 divenne il primo parco nazionale della Croazia e trent’anni dopo entrò a far parte dei siti protetti dall’Unesco come Patrimonio dell’Umanità.
Plitvice si trova a 140 km da Zagreb/Zagabria, a 155 da Zadar/Zara e a 262 da Trieste. Pur utilizzando il battello e il servizio navetta esistenti, per percorrere i 18 km del percorso del parco, occorre preventivare almeno un’intera giornata, anche perché alba e tramonto rappresentano due momenti imperdibili per i diversi giochi di luce; conviene quindi pernottare in loco almeno una notte, considerando che il biglietto di ingresso vale per più giorni: superflua invece, una guida.
Plitvice risulta visitabile tutto l’anno, ma i periodi migliori per accedervi sono la primavera, quando le cascate si presentano gonfie d’acqua e l’autunno, per i colori della vegetazione, mentre in estate si accentra un gran numero di visitatori.
Tra le cose rimarchevoli da visitare nei dintorni: 15 km a nord, le grotte turistiche di Barac, che hanno offerto ospitalità agli orsi delle caverne ed all’uomo in epoca preistorica.
E poi Rastoki, 30 km a nord, un pesino pieno di fascino con casette in legno su uno strapiombo con cascatelle analoghe a Plitvice e infine Gospic, dove è possibile visitare la casa natale e il centro memoriale di Nikola Tesia, una delle menti più geniali del mondo moderno, l’uomo che ha portato l’elettricità nelle nostre case e ha inventato la tecnologia senza fili.

22 Views

EasyCookieInfo

Template Settings

Theme Colors

Blue Red Green Oranges Pink

Layout

Wide Boxed Framed Rounded
Patterns for Layour: Boxed, Framed, Rounded
Top