INNSBRUCK E MAX 500

14 April 2019
(11 votes)
Author :  

Un viaggio nella città di Max 500: tutti gli eventi.

Il Tettuccio d’Oro è il simbolo della città di Innsbruck.

A volerlo fu Massimiliano I d’Asburgo, di cui nel 2019 ricorrono i 500 anni dalla morte. Un elegante bovindo con 2.657 tegole dorate, in rame e oro, fatto realizzare da Massimiliano I nel 1500, in occasione del cambio del secolo, con la dote della moglie Bianca Maria Sforza, per celebrare la potenza del suo impero. Amante dell’arte, della montagna e della natura, Massimiliano creò un legame molto stretto con la città, che per tutto il 2019 ricorda il suo imperatore con il programma Max 500, un calendario ricco di eventi e appuntamenti.

L’occasione giusta per visitare la Capitale delle Alpi, seguendo i luoghi di Massimiliano I, dal Palazzo imperiale alla Hokchirche con il celebre cenotafio e le SchwarzeMander, le statue nere, fino all’arsenale, al castello di caccia, all’abbazia di Stams.

Il Tettuccio d’oro, simbolo della Capitale delle Alpi

Le nozze di Massimiliano con Maria di Borgogna e con Bianca Maria Sforza di Milano sono artisticamente rappresentate sul rilievo che decora il Tettuccio d’Oro del centro storico. A seguito della sfortunata morte di Maria di Borgogna, a causa di una fatale caduta da cavallo avvenuta a soli cinque anni dalle nozze, Massimiliano prese in moglie Bianca Maria Sforza, principalmente per via della sua consistente dote, che gli consentì di realizzare lo spettacolare Tettuccio. Realizzato per ordine di Massimiliano nel 1500, in occasione del cambio di secolo, lo sfarzoso bovindo è decorato da 2.657 scandole di rame dorato. Oggi il Tettuccio d’Oro è parte di un museo. In concomitanza con l’anno di Massimiliano, il Museo del Tettuccio d’Oro ha eliminato le barriere architettoniche: dal 11 gennaio 2019, infatti, la “vista imperiale sulla città di Innsbruck” che si gode dallo sfarzoso bovindo sarà accessibile anche ai visitatori in sedia a rotelle. Nel 2019 verrà inoltre proposta una mostra speciale che presenterà la vita e le opere dell’imperatore da prospettive inconsuete.

www.innsbruck.info/infrastruktur/detail/infrastruktur/museum-goldenes-dachl-innsbruck.html

Il centro storico e l’arsenale

La maggior parte dei circa 130 edifici della città vecchia è sorta all’epoca di Massimiliano. Fuori dalle mura Massimiliano fece invece costruire un arsenale (Zeughausin tedesco), che sorge sulle rive del fiume Sill. Sotto il suo regno divenne il più grande deposito di armi e armamenti della regione. Fino al 1955, l’arsenale servì per scopi militari, in seguito venne trasformato in museo e oggi ospita mostre di storia e cultura tirolese.

www.tiroler-landesmuseen.at/page.cfm?vpath=haeuser/zeughaus/haus

Hofkirche e gli SchwarzeMander

Massimiliano I trasformò Innsbruck in un centro delle arti. L’imperatore si dedicò alla progettazione del suo monumento sepolcrale nella chiesa di corte Hofkirche, per la cui realizzazione conferì incarichi ai più illustri artisti internazionali del suo tempo. Nacquero così le 28 figure in bronzo di grandezza superiore al naturale, gli SchwarzeMander (uomini neri), che rappresentano gli antenati e gli eroi dell’imperatore e che ancora oggi fiancheggiano il suo sepolcro. Otto dei cosiddetti “uomini neri” sono però donne e tra queste statue ci sono anche le due mogli di Massimiliano. Il fatto curioso è che il sepolcro è vuoto, perché l’imperatore Massimiliano venne sepolto a Wiener Neustadt.

www.tiroler-landesmuseen.at/page.cfm?vpath=haeuser/hofkirche/haus

Abbazia di Stams, dove si è fatta la storia

L’abbazia di Stams fu teatro di un importante momento storico: l’incontro tra l’imperatore Massimiliano I e il sultano turco Bajezid IIorganizzato per porre le basi per una pace duratura tra la cristianità occidentale e l’impero ottomano. Nella Cripta dei principi dell’abbazia,inoltre, è sepolta la seconda moglie di Massimiliano, Bianca Maria Sforza. Bianca morì all’età di 38 anni e qui le fu dedicata una statua dorata nel suo prestigioso luogo di sepoltura.

A partire dal 12 aprile 2019 verrà allestita, in questo luogo ricco di storia, una mostra speciale sullo stretto rapporto tra Massimiliano e l’abbazia di Stams. Infatti, lo sfarzoso edificio, pur essendo tutt’oggi un monastero dei cistercensi, ospita anche un museo e diverse scuole tra cui il liceo per sport invernali SkigymnasiusStams, una scuola che, con le sue oltre 300 medaglie olimpiche e mondiali, è divenuta il simbolo dei successi austrici negli sport invernali.

www.stiftstams.at

I pesci di Gossenköllesee e il Castello di caccia

La pesca e la caccia erano tra i passatempi più amati dall’imperatore Massimiliano. Amava particolarmente cacciare e pescare nella zona di Kühtai e nella valle Sellraintal. Per non dover rinunciare al piacere del pesce nemmeno in montagna, l’imperatore fece rilasciare delle trote di fiume nei laghi d’alta montagna e così fece anche nel lago Gossenköllesee, a oltre 2.400 metri di quota a Kühtai. Oggi le trote di fiume sono specie geneticamente miste quasi dovunque, ma i pesci del lago Gossenköllesee provengono esclusivamente dal bacino idrografico del Danubio e sono divenute una sorta di banca genetica della specie.

Il castello di caccia di Kühtai è un edificio che ricorda, ancora oggi, i tempi dell’imperatore. Massimiliano ci andava spesso per prendere parte a battute di caccia al camoscio. Per la sua forma particolare, il castello ricorda una delle fattorie tipiche dell’alta valle dell’Inn, con un arredamento particolarmente sontuoso. Oggi il castello, che fino al 2015 è stato di proprietà di un bis-bis-nipote dell’imperatore Francesco Giuseppe e di Elisabetta d’Austria (la principessa Sissi), è stato trasformato in un accogliente e confortevole hotel. Un consiglio: la terrazza soleggiata dell’edificio è perfetta per gustarsi un buon caffè in tutta comodità.

www.jagdschloss-resort.at

Un imperatore sportivo

L’imperatore amava molto arrampicare sulla parete Martinswand, che chiude a sud-ovest la Nordkette, la catena montuosa di Innsbruck. Massimiliano d’Asburgo ha lasciato le sue tracce anche qui: la grotta Kaiser-Max-Grotte prende infatti il suo nome. Secondo la leggenda, l’imperatore trovò rifugio in questa grotta dopo essersi smarrito durante l’ascesa sulla parete nel corso di una battuta di caccia al camoscio. Oggi Innsbruck è un punto di riferimento per gli appassionati dell’arrampicata sportiva: la città è stata scelta come sede dei campionati mondiali di arrampicata del 2018 e ha visto la realizzazione del centro di arrampicata più moderno e più grande d’Europa.

www.kletterzentrum-innsbruck.at

www.climbers-city.com

Massimiliano I e il Castello di Ambras

Un altro castello di caccia anticamente utilizzato da Massimiliano I è il castello di Ambras di Innsbruck. Qui, in occasione dell’anno di Massimiliano, si terrà una mostra che presenterà non solo le tracce storico-architettoniche che l’imperatore ha lasciato sul posto, ma anche originali opere d’arte di proprietà dell’imperatore, armi e pregiate armature.

La mostra speciale del castello di Ambras di Innsbruck sarà aperta dall’11 aprile al 31 ottobre 2019.

www.schlossambras-innsbruck.at

Un amaro finale

L’imperatore Massimiliano I condusse innumerevoli guerre dispendiose. Definiva il Tirolo come “un portafoglio che non delude mai”, in quanto era un territorio ricco di argento, rame e sale. Massimiliano visitò Innsbruck per l’ultima volta nel novembre del 1518, solo pochi mesi prima della sua morte. A causa degli ingenti debiti che l’imperatore aveva accumulato con gli osti della città, questi si rifiutarono di ospitare, nelle loro locande, il suo seguito di 400 uomini, che dovette così accamparsi e pernottare davanti alle mura della città. Amaramente deluso, Massimiliano proseguì rapidamente nel suo cammino, senza sapere che non avrebbe mai più fatto ritorno a Innsbruck. Ancora oggi, i nomi di molti locali della città ricordano l’antico imperatore d’Asburgo, come la caffetteria del centro storico Kaiser Max Café (con appartamenti) o l’Hotel Maximilian.

www.kaiser-max.at

www.hotel-maximilian.com

Massimiliano e Innsbruck

Anche se la sua ultima visita a Innsbruck fu per lui una forte delusione, nessunaltro imperatore d’Asburgo è rimasto altrettanto radicato nei ricordi della popolazione della città come Massimiliano. Egli incarnava infatti, già 500 anni fa, tutto ciò che oggi viene vissuto a Innsbruck: da una parte una giovane, moderna e aperta città di cultura, dall’altra le incantevoli esperienze naturali donate dal mondo montano circostante, tanto vicino alla città come in nessun altro luogo e con un’offerta sportiva davvero incomparabile. Quello che oggi sia gli abitanti locali che gli ospiti apprezzano della città, è quello che all’epoca entusiasmava già l’imperatore Massimiliano I, “ultimo cavaliere” e “primo Europeo”.

GLI EVENTI DI MAX 500

Palazzo imperiale

Lightshow MAX 500

Uno spettacolo di luci trasporterà i visitatori in un viaggio attraverso il tempo, nell’antica Innsbruck di Massimiliano. Lo show si tiene nel cortile interno del palazzo imperiale Hofburg di Innsbruck, ampliato e ristrutturato proprio sotto l’imperatore d’Asburgo.

Dal 20 gennaio 2019 a gennaio 2010

Museo del Tettuccio d’Oro

LebenimZeitalterMaximilians. Wasbleibt? -Vivere nel periodo dell’imperatore Massimiliano. Cosa rimane?

La mostra espone il bassorilievo originale del Tettuccio d’Oro, oltre a documenti e oggetti che raccontano la storia dell’imperatore.

Castello di Ambras

Zu lob un ewigerGedachtnus - A lode e perpetua memoria

Esposizione conopere d’arte dedicate a Massimiliano, portate nel castello dal pronipote di Massimiliano I, l’arciduca Ferdinando II.

dall’11 aprile al 31 ottobre 2019

Zeughaus, Antico arsenale

DesKaisersZeug - Le cose dell’Imperatore

La mostra si concentra sulla storia dell'edificio e dei suoi dintorni, aprendo allo stesso tempo spazi che sono normalmente inaccessibili.

dal 12 aprile al 3 novembre 2019

Hofburh, il Palazzo imperiale

Maximilian I - Aufbruch in die Neuzeit

Mostra multimediale dedicata al ruolo di Massimiliano come statista, politico e uomo di cultura, nel passaggio tra il medioevo e l’età moderna.

dal 25 maggio al 12 ottobre 2019

Abbazia di Stams

…In fried und einigkeit - ... In pace e unità ...

Mostradedicata all’incontro tra Massimiliano d’Austria e la delegazione del sultano ottomano Beyazit, avvenuto nell'estate del 1497 proprio a Stams.

dal 13 aprile al 27 ottobre 2019

Tutte le manifestazioni in occasione del 2019, anno di Massimiliano, sono reperibili sul sito www.maximilian2019.tirol.

Info: Innsbruck Tourismus, tel. +43-512-59850, This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it., www.innsbruck.info.

108 Views
Template Settings

Theme Colors

Blue Red Green Oranges Pink

Layout

Wide Boxed Framed Rounded
Patterns for Layour: Boxed, Framed, Rounded
Top
We use cookies to improve our website. By continuing to use this website, you are giving consent to cookies being used. More details…