Il puparo, paladino di un antico e nobile mestiere

Il puparo, paladino di un antico e nobile mestiere

 Un patrimonio incomparabile di arte popolare e semplicità   

rivalorizzato grazie al Dam- Distretto Antichi Mestieri

Proclamata nel 2001 dall'UNESCO "Capolavoro del patrimonio orale e immateriale dell'umanità", l'opera dei pupi è il teatro tradizionale siciliano delle marionette. Gli spettacoli venivano rappresentati addirittura a puntate, duravano anche molti mesi, nei quartieri poveri, sia nelle piazze che in locali al chiuso. Il puparo utilizza un linguaggio particolare, arricchito da intercalare dialettale, per il semplice fatto che l’opera era destinata ad un pubblico poco acculturato. Grazie al Dam, il Distretto degli Antichi Mestieri che concorre allo sviluppo turistico del territorio siciliano, e che, nell’ambito del progetto “Verso la fruibilità turistica della Sicilia Antica” propone diverse realtà "antiche": fra tante è emersa anche questa nobile figura tradizionale.

Quando le luci si spengono è come tornare indietro nel tempo, si rimane affascinati dall'opera dei pupi. Dalle armature colorate e luccicanti, dalle gesta di Orlando, il suo amore per Angelica e la rivalità con Rinaldo.  E' l'arte popolare della Compagnia Teatrale Opera dei Pupi “IL PALADINO" diretta da uno dei pochi "pupari" rimasti, il maestro Salvo Mangano di San Pietro Clarenza, provincia di Catania, e con oltre quarant’anni di attività sulle spalle.

 "Un'arte come quella dei pupi - racconta il maestro Mangano - ha vissuto sempre di un fenomeno di matrice popolare, sembra sempre che sia sul viale del tramonto eppure noi resistiamo. Certo, con l'aiuto delle Istituzioni sarebbe piu semplice, ma noi ci siamo comunque e cerchiamo di tramandarla alle nuove generazioni".

La sua compagnia si compone di bravissimi collaboratori (di cui uno giovanissimo) ed è formata da un teatro autoportante smontabile per spettacoli e manifestazioni cittadine. E’ a San Pietro Clarenza che il maestro ha la sua sede e bottega, un laboratorio creativo dove nel corso della sua lunga  carriera ha creato centinaia di pupi. Ferro, ottone, velluto, raso, pennelli e legno sono i materiali necessari per la realizzazione degli scenari e dei personaggi. Mangano organizza anche dei corsi interattivi per adulti e studenti strutturati in diversi settori specifici: animazione e manovra dei pupi; gestualità, scenografia; studio dei testi dell'opera dei pupi; laboratorio con la lavorazione del legno e metalli, pittura e sartoria. (Compagnia ‘Il Paladino’ viale Europa 50/b - San Pietro Clarenza- tel. 095 520717 www.ilpaladino.org )

San Pietro Clarenza è uno dei 23 comuni che aderisce al DAM, il Distretto antichi mestieri, Sapori e Tradizioni Popolari Siciliane. Il Territorio del DAM copre l'intera regione, ne fanno parte Taormina, Nizza, Fiumedinisi, Furci Siculo e Santa Teresa Riva per la provincia di Messina costa ionica, ricadono invece nella zona dei Nebrodi, Sinagra e Montagnareale.

I paesi etnei nella provincia di Catania sono, oltre San Pietro Clarenza, Biancavilla, Giarre, Aci Catena, Viagrande e Pedara, mentre nel Calatino si individuano Licodia Eubea, Grammichele e Ramacca. Due le realtà istituzionali in provincia di Trapani: Valderice e l’Arcipelago delle Isole Egadi (con Favignana, Marettimo e Levanzo); quattro nell’entroterra palermitano: Roccapalumba, Vicari, Ciminna e Campofiorito. In provincia di Siracusa, nel sud-est della Sicilia, è presente Rosolini.

Silvia Donnini

Read 9316 times