Vo' Euganeo riparte da Calici di stelle

09 July 2020
(0 votes)
Author :  

Vo' Euganeo, la cittadina veneta balzata in cronaca per la creazione della prima zona rossa covid-19, riparte all'insegna dell'enoturismo con la celebre manifestazione agostanaCalici di Stelle.

Calici di stelle 2020

Calici di

Stelle torna quest’anno dal 2 al 16 agosto nei borghi e nelle cantine d’Italia. L’evento vo citta vino trachite 1organizzato da Movimento Turismo del Vino e Città del Vino sarà per l’estate 2020 un’edizione prolungata dedicata alla ripartenza: “E quindi uscimmo a riveder le stelle” è il tema dell’edizione, una citazione della Divina Commedia che invita alla ripartenza e che sarà l’occasione per organizzare in cantina esperienze culturali legate al mondo del vino.

Sul sito delle Città del Vino gli aggiornamenti sugli tutti i Comuni che parteciperanno a Calici di Stelle.
Oltre alle Città del Vino (450 in tutta Italia) saranno coinvolte oltre 800 cantine del Movimento Turismo del Vino per un’edizione estiva in cui distanziamento e sicurezza saranno garantite attraverso gli ingressi contingentati e le prenotazioni in cantina. Gli eventi nei Comuni si svolgeranno nel rispetto delle norme vigenti.calici di stelle 2020

Il focus su Vo' Euganeo

Con grande entusiasmo il sindaco Giuliano Martini annuncia che: “Il peggio è passato e con tutte le cautele necessarie vogliamo guardare al futuro con speranza. Calici di Stelle è l'occasione giusta per farlo con i miei concittadini, le nostre prestigiose cantine. Enoturisti: vi aspettiamo!”Colli Euganei 960x640

Dopo il lancio del marchio VO’, nato da un’intesa tra il Comune-Città del Vino di 3.200 abitanti in provincia di Padova, il Parco Colli e la cantina cooperativa Colli Euganei ora è la volta di Calici di Stelle. Finito alle cronache nazionali per la prima vittima da coronavirus, e come prima zona rossa d’Italia, il territorio di Vo’ ora punta sull’enoturismo e sulla manifestazione più nota dell’estate per promuovere l’accoglienza, la qualità ambientale e i prodotti enogastronomici. Una meritata e meditata pausa di cultura e festa all’aperto nel rispetto delle norme di sicurezza.

“È con grande piacere che apprendiamo della volontà del Comune di Vo' Euganeo, una delle più importanti Città del Vino d’Italia e del Veneto, di organizzare anche quest’anno Calici di Stelle – commenta il presidente di Città del Vino, Floriano Zambon –. Ritengo quest’adesione un segnale importante che dimostra la volontà di questa comunità, fortemente colpita dal covid-19, di voler rinascere dopo quanto accaduto e di guardare al vino e all’enoturismo come un’occasione di ripartenza sociale, economica e culturale”.municipio vo

"Sono stati momenti difficili da affrontare ma adesso vogliamo ripartire – afferma Giuliano Martini, il sindaco di Vo' –. La filiera produttiva dei Colli Euganei sta soffrendo, dall'agricoltura alla ristorazione fino al turismo e con Calici di Stelle vogliamo dare un segnale di ripresa. Il territorio di Vo' ha un'antica tradizione vitivinicola, è sede del Consorzio di tutela e molte nostre cantine sono pluripremiate. Vogliamo rimetterci in gioco e cogliere l'occasione per ringraziare tutti i concittadini, le associazioni del volontariato e le istituzioni che hanno dato grande prova di maturità in questa circostanza, la Croce Rossa, le ASL locali, la Regione Veneto, l’Università di Padova.Il peggio è passato e pur con tutte le cautele necessarie, vogliamo guardare al futuro con speranza e Calici di Stelle è l'occasione giusta per farlo insieme ai miei concittadini e alle nostre prestigiose aziende".

grappolo"La partecipazione di Vo' Euganeoa Calici di Stelle pur con tutte le cautele del caso è un segnale importante di ripartenza - afferma Benedetto De Pizzol coordinatore regionale Città del Vino del Veneto -. Non possiamo fermarci e Vo' è un esempio per l’Italia sia nella gestione dell'emergenza, sia ora con la voglia di organizzare Calici di Stelle. In segno di vicinanza e condivisione è nostra intenzione organizzare proprio a Vo' Euganeo una riunione del coordinamento delle Città del Vino del Veneto, magari a inizio settembre, per programmare le nostre attività".

La redazione

64 Views
Top