È UNO STRANO NATALE QUELLO DEL 2020. MA LA MAGIA NON DEVE MANCARE NELLE NOSTRE CASE.VI RACCONTIAMO QUELLA SLOVENA!

27 November 2020
(0 votes)
Author :  

Di cosa abbiamo bisogno per ricreare la magia festiva nelle nostre case? Un albero di Natale, il presepe, luci

natalizie, una varietà di addobbi: questo è quasi un "arredo obbligatorio" per i giorni di festa dicembrina. Durante le feste ci facciamo prendere anche dalla nostalgia, soprattutto in questo 2020 così difficile e sicuramente diverso da tutti gli altri, in cui i ricordi dei profumi e delle risate dei giorni di festa, che venivano dalla cucina della nonna, ci lasciano una strana malinconia nel cuore.

Per colmare questi momenti vi raccontiamo oggi delle tradizioni di un Paese, la Slovenia, vicino al nostro, ricco di riti, di bellezza, di aromi e ricette natalizie che ci possono aiutare a riempire questi giorni, che a volte sembrano susseguirsi uguali uno all’altro.

Idee saporite per attendere il Capodanno

Durante l’Avvento in Slovenia si sforna un po’ di tutto: biscotti, pane e putizza, il più famoso dolce sloveno di pasta avvolta e farcita con vari ripieni. Alla Vigilia di Natale, alcuni rispettano ancora il “digiuno allegro” che una volta caratterizzava tutto il periodo dell’Avvento. Secondo la tradizione, sino a Natale, c’erano sul menù solo cibi sani: legumi, cereali e farinate, baccalà con polenta e zuppa di patate. Solo allo scoccare della mezzanotte arrivava a tavola la carne, il più delle volte un arrosto di maialeo dicappone farcito con vari ripieni o utilizzato per la preparazione di vari stufati.

Una delle abitudini più antiche prevede la preparazione del “poprtnik”o “božični kruh”, un pane tradizionale che si sarebbe conservato fin dai tempi pagani, quando veniva celebrato l’arrivo della luce al solstizio d’inverno. Questo pane di latte, dolce e decorato, fatto di farina bianca, simboleggiava il desiderio di salute e prosperità per il nuovo anno. Una volta gli veniva attribuito anche un potere speciale per un buon raccolto, per questo alcuni pezzi del pane venivano dati anche al bestiame o interrati ai margini dei campi coltivati.

Durante le feste il più delle volte sono presenti a tavola lepatate brasate. Le patate lesse, fatte saltare nel grasso e nella cipolla, sono particolarmente gustose se preparate in una padella di ghisa che crea sul fondo una crosticina croccante che si scioglie in bocca. La ricetta scritta più antica per la preparazione delle patate brasate si trova nel libro “Slovenska kuharica” che è stato pubblicato a Ljubljana nel 1868.

Per arricchire il gusto delle patate brasate gli sloveni amano aggiungere i ciccioli che si abbinano perfettamente anche aicrauti o alla rapache sono deliziosi contorni per la cena delle feste. Si dice che i crauti e la rapa acida contribuiscano al benessere, ristabiliscano un rapporto corretto dei microorganismi nel corpo e stimolino la digestione. Eccellenti anche per rafforzare il sistema immunitario nei giorni più freddi delle feste!

Nonostante la tavola riccamente imbandita e i deliziosi piatti, dopo la cena delle feste si trova sempre un po’ di spazio per qualcosa di dolce. Uno dei piatti più riconoscibili in tutta la Slovenia sono glistruccoli, preparati con diversi tipi di pasta, con una vasta gamma di ripieni - noci, dragoncello, ricotta, mele, semi di papavero o prugne secche - che vengono avvolti in una tovaglia e cotti in acqua bollente. Gli amanti della frutta potranno godere del sapore delpane alla frutta.

È però laputizza (o potica)il dolce delle feste più tipico e conosciuto in tutte le 24 regioni gastronomiche della Slovenia, che secondo l’antica usanza locale attendeva in dispensa fino alla mezzanotte di Natale. Si prepara con un impasto lievitato, steso e arrotolato, che viene farcito con diversi ripieni. I più tipici sono quelli con le noci, le nocciole, le mandorle, al miele, con l’uva passa e con i semi di papavero.

Volete preparare la putizza a casa vostra?

Ingredienti:

Impasto lievitato:

  • 1 kg di farina,
  • 30 g di lievito,
  • 3–4 tuorli d’uovo,
  • 300 ml di latte tiepido,
  • 120 g di burro,
  • 1 cucchiaino di sale,
  • 2 cucchiai di zucchero,
  • grasso per ungere lo stampo.

Ripieno:

  • 600-700 g di noci,
  • 200 g di miele,
  • 50 g di zucchero,
  • 100–200 ml di latte,
  • 1 uovo,
  • cannella,
  • rum o grappa fatta in casa.

Preparazione

Preparare l'impasto in un luogo caldo. Impastare la farina con un cucchiaino di sale, mescolare il lievito con un cucchiaino di zucchero, 2 cucchiai di farina e 50 ml di acqua tiepida o latte. Lasciare lievitare in un luogo caldo. Fare un buco al centro della farina, versarci dentro l’uovo sbattuto, il lievito, il burro fuso e lo zucchero. Versarci il latte tiepido mescolando l’impasto. Sbattere per 15 min ovvero fino a quando non si formano delle bollicine e l’impasto si stacca dalla ciotola. Poi cospargere l’impasto con farina, coprire con un tovagliolo e lasciare lievitare in un luogo caldo. Per preparare il ripieno scottare le noci macinate o schiacciate nel latte zuccherato. Riscaldare il miele fino a farlo sciogliere. Aggiungerci le noci e mescolare con la cannella. Lasciare raffreddare il ripieno, quindi aggiungere uno o due uova e mescolare lievemente. Stendere l’impasto con ½ cm di spessore e ricoprirlo con il ripieno ancora caldo. Avvolgere il tutto strettamente e mettere nella teglia. Lasciare lievitare la putizza lentamente, che si alzerà ancora un po’ nel forno. Prima di infornare, ungere con l’uovo sbattuto. Cuocere in forno per un’ora. Una volta cotta, lasciare raffreddare nella teglia per altri 15 min. Alla fine cospargere a piacere con zucchero.

Buon appetito!

Connessi con la natura anche nei giorni di festa

La Slovenia è coperta da quasi il 60% delle foreste. La più vasta area boschiva si trova nella regione di Kočevje dove cresce anche la "Regina del Rog", l'abete più possente della Slovenia. Misura 55 metri di altezza e più di 500 cm di circonferenza.

Anche se gli abeti naturali vengono sostituiti sempre più spesso da quelli artificiali, è ancora inestimabile il profumo naturale genuino portato dagli alberi veri. Se desideri che la tua casa sia decorata con un abete naturale, non è necessario strapparlo dalla foresta, poiché sono disponibili anche in vaso o si possono affittare per il periodo delle feste e poi riportarli al vivaio. Ecco un piccolo gesto per essere eco-sostenibili anche a Natale.

Addobbi realizzati con materiali naturali

Gli addobbi rendono l'albero ancora più magico. Gli sloveni hanno sempre vissuto a contatto con la natura, il che si è conservato nella tradizione degli addobbi. Gli antenati usavano mele, pere e noci come decorazione esprimendo così l’augurio di una buona annata. A loro piaceva decorare l’angolo della tradizione religiosa con ghirlande colorate, noci dorate e frutta secca. Sono particolarmente belli gli addobbi realizzati con i trucioli di legno o la paglia, come quelli in terracotta o le decorazioni realizzate con i merletti.

Un abete sloveno al centro del Vaticano

Lo sapevate che il Vaticano a dicembre ospiterà qualcosa di sloveno?

Ogni anno un meraviglioso albero di Natale alto circa 25 metri decora la Santa Sede, solitamente allestito accanto al presepe. Quest’anno, il tanto amato simbolo delle feste che adornerà con orgoglio Piazza San Pietro sarà rappresentato da un possente abete sloveno, alto 30 metri, numero che vuole celebrare il 30° anniversario del plebiscito sull'indipendenza della Slovenia. Il Paese fornirà anche 36 piccoli abeti rossi ornamentali di dimensioni comprese tra 1,5 metri e sei metri che verranno collocati nei locali ufficiali della Santa Sede e in altri locali nell'area del Vaticano. L'albero di Natale, decorato con addobbi tradizionali fatti a mano e realizzati con materiali naturali come trucioli di legno e paglia, racconterà una storia unica sulla ricchezza verde e sulla ricca tradizione artigianale del cuore verde d’Europa e l’iniziativa, risultato della collaborazione di diverse istituzioni e società slovene, ha come filo conduttore la cooperazione intergenerazionale sostenuta da Papa Francesco.

Ente Sloveno per il Turismo in Italia Tel: + 39 02 29511187 - 02 29514157

Galleria Buenos Aires, 1 – 20124 Milano

This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. - www.slovenia.info

77 Views
Top