L’ENOTECA BORGIA MILANO SI PREPARA ALL’ESTATE CON GLI EVENTI DI MAGGIO

08 May 2022
(0 votes)
Author :  

Vini e formaggi sono i protagonisti delle serate in programma all’Enoteca Borgia per il mese di maggio. Una serie di incontri non consueti e originali, pensati per proporre ai clienti

un’esperienza enogastronomica e aperitivi fuori dagli schemi!

La bella stagione si avvicina e c’è voglia di dare benvenuto alle serate di tarda primavera, magari in compagnia di ottimi vini, formaggi e originali aperitivi. È quanto l’Enoteca Borgia, in via Washington 56 a Milano, sta organizzando per tutti coloro che vorranno vivere esperienze nuove, divertenti e interessanti al tempo stesso. Un mix perfetto per aspettare l’estate! Anche per il mese di maggio il calendario con gli incontri è ricco, appuntamenti diversi tra loro ma volti alla scoperta piacevole e rilassante dell’affascinante mondo dell’enogastronomia. Formaggi pugliesi, vini italiani e stranieri saranno i protagonisti degli aperitivi dell’Enoteca Borgia… ovviamente senza dimenticare la creatività dello chef Giacomo Lovato, firma autorevole del Ristorante Borgia – Milano, sempre pronto a far uscire eccellenti piatti dalla sua cucina.

Il primo appuntamento è fissato per il 17 maggio con Incontri, la degustazione dedicata ai vini del Trentino Alto Adige. Una regione che produce perle enologiche di rara qualità, descritte da due protagonisti del territorio quali Dominic Würthe e Leila Grasselli della Cantina Grawü.

Il 25 maggio sarà il momento dell’originale sodalizio tra la selezione di 5 vini affiancati a 5 formaggi pugliesi. La degustazione, dal titolo Happy Cheese Hour, sarà guidata da Lamberto Rubini di Formaggitalia e da Michela Cimatoribus, sommelier.

Si chiuderà in bellezza il 31 maggio con Bottiglie Aperte, un format oramai consolidato dall’Enoteca Borgia, per provare 5 vini provenienti da diverse parti del mondo. La degustazione sarà condotta dagli esperti di Les Caves des Pyrène, un gruppo di attenti e preparati importatori.

Di seguito i dettagli del calendario degli incontri di maggio 2022. Le serate sono aperte al pubblico ed è fortemente consigliata la prenotazione (massimo 40 posti), oltre all’obbligo di green pass se richiesto dalle normative vigenti.

  • 17 maggio, ore 19.30, Incontri ‘I Piwi del Trentino Alto Adige’, degustazione di vini con Dominic Würthe e Leila Grasselli della Cantina Grawü (saranno serviti 5 vini del Trentino Alto Adige con assaggi gastronomici, costo € 25).
  • 25 maggio, ore 19.30, degustazione guidata Happy Cheese Hour, con Lamberto Rubini e Michela Cimatoribus (degustazione di 5 vini e 5 formaggi pugliesi, costo € 30).
  • 31 maggio, ore 19.30, Bottiglie Aperte, il giro del mondo in un calice con Les Caves de Pyrène (la degustazione comprende 5 calici con stuzzichini, costo € 25).

I PROTAGONISTI

Lamberto Rubini- La Happy Cheese Hour nasce da un’idea di Lamberto Rubini, assaggiatore di formaggi e grande cultore del patrimonio caseario artigianale italiano. Il format prevede infatti una serie di assaggi di formaggi, accumunati dalla tipologia di prodotto o di zona d’origine, affiancati ad altrettanti vini, birre o sidri. Così da nutrire la scoperta di più elementi e consentire a chiunque, anche al meno allenato, di creare gli accostamenti preferiti secondo il proprio gusto personale. Per Lamberto, scoprire un formaggio è aprire una porta verso un mondo agricolo e artigianale di una bellezza unica, fatto di storie, di fatica, di lavoro e impegno, ma anche di persone, di sorrisi e tanta bontà genuina.

Michela Cimatoribus – Michela è sommelier e socia da quasi vent’anni di un’agenzia di comunicazione dedicata interamente al settore food&beverage, in cui esprime la sua passione per l’enogastronomia al servizio dei suoi clienti. È autrice di due libri dedicati a birre, vini ancestrali, sidro e idromele, editi da Trenta Editore.

Dominic Würthe e Leila Grasselli – Uniti nella vita e nel lavoro visto che, assieme, hanno fondato la Cantina Grawü, il cui nome nasce dall’unione della prima parte dei loro cognomi. Un’attività svolta nel pieno rispetto della natura e del territorio con metodo biologico, la vinificazione di vitigni resistenti (PIWI) e la vinificazione senza prodotti enologici. Il loro obiettivo è quello portare il gusto vero dell’uva nel bicchiere, filosofia che prende forma nell’interessante gamma di etichette.

Les Caves des Pyrène – Nasce in Italia, ad Alba, nel 2009 grazie a Christian Bucci per promuovere i vini di territorio. Nel 2005, Christian entra a far parte di Caves UK come selezionatore di vini italiani e in quel momento scocca la scintilla decisiva. Oggi Les Caves Italia è una vasta famiglia che comprende 100 agenti e circa 4.000 clienti. Le etichette a catalogo si caratterizzano per bevibilità, sapidità e giusta acidità, vini che nascono dai vigneti di piccoli e medi produttori ma che sanno conquistare i gusti di tutti i consumatori e gli appassionati.

Borgia – Milano - Il ristorante nasce qualche anno fa dall’idea di Edoardo Borgia, giovane laureato in psicologia; che, dopo alcune brevi ma importanti esperienze nel settore ristorativo ed enologico, in Italia e negli Stati Uniti, decide di rivoluzionare il bar di famiglia. Nel locale un tempo si trovava un rinomato outlet di abbigliamento di proprietà del padre, Ennio Borgia, noto imprenditore nel settore tessile da oltre 50 anni. Il primo passo intrapreso è stato la ristrutturazione del bar che, a partire dal 2016, prende il nome di Isola 56 – Tasting House - proprio per richiamare il nome dello storico outlet Emporio Isola. Dopo alcuni anni Edoardo decide di rinnovare pure gli spazi nei quali sorgeva il negozio, per trasformarli nei locali dove oggi sorge l’iconico ristorante. In onore della sua famiglia sceglie il nome Borgia – Milano.

Borgia – Milano nasce con due concetti basilari: ospitalità e qualità, concetti messi in pratica in ogni ‘reparto’ del Borgia. Questo perché all’ingresso principale si incontra un raffinato wine bar, si prosegue verso un accogliente bistrot, sino ad arrivare nel cuore dell’elegante ristorante gourmet. Tre differenti proposte eno-gastronomiche condotte dall’alta professionalità della sala e dall’eccellenze culinarie ed enologiche.

Nonostante la passione per la ristorazione, Edoardo non abbandona il bagaglio culturale acquisito con gli studi di psicologia: questi diventano anzi la base per dar vita a un ulteriore progetto culinario assieme allo chef Giacomo Lovato - il Menù Psyche, ideato con lo scopo di coniugare cucina e psicologia attraverso il filo conduttore dell’ospitalità. La cucina e il cibo sono due aspetti che destano sempre curiosità, soprattutto se interagiscono con i gusti dei clienti. Ecco perché è fondamentale instaurare uno ‘speciale’ rapporto di fiducia. È qui riassunta la filosofia che segue il servizio di sala di Borgia – Milano, ossia costruire un rapporto quanto più profondo e sincero con gli ospiti.

Giacomo Lovato – Chef Borgia Milano. Classe 1990 per il ‘Re’ della cucina del ristorante che, dopo il diploma all’Istituto Alberghiero, prosegue la sua formazione nella prestigiosa scuola internazionale di cucina ALMA di Colorno (PR). Terminata questa prima fase di studi, è attivo collaboratore nelle cucine di due nomi importantissimi della ristorazione italiana e non solo: Carlo Cracco e Claudio Sadler. Dal 2013 lavora allo Snowflake, il ristorante dell’Hotel Principe delle Nevi di Cervinia, diventandone Executive Chef nel 2016; nel 2018 il maestro Sadler gli affida l’incarico di Executive Chef del suo ristorante a Porto Cervo. L’anno successivo dirige il ristorante gourmet St. George di Villa Carolina a Castelletto d’Orba, per poi arrivare nel capoluogo lombardo alla guida del ristorante Enoteca Regionale Lombarda dove resta fino a maggio 2021. Giugno 2021 segna l’inizio di una nuova entusiasmante esperienza: quella di Executive Chef del ristorante gastronomico Borgia – Milano.

Tiziano Sotgia – Restaurant Manager Borgia - Milano. Sintesi di un’esperienza quasi trentennale nella ristorazione e nel comparto alberghiero, Tiziano Sotgia, oggi, svolge un ruolo basilare per Borgia – Milano; rappresentando la figura di riferimento nella supervisione della struttura e nella gestione del personale - oltre a essere a stretto contatto con lo chef, per la valutazione dei piatti, e con il sommelier Devis Giuliano, per la selezione dei vini.

La sua alta professionalità è il frutto di una spiccata passione per il settore, iniziata dall’adolescenza e poi coltivata e arricchita in variegati percorsi di studi e collaborazioni nelle maggiori strutture internazionali. La curiosità che lo caratterizza lo ha portato ad approfondire le conoscenze, oltre al mondo vino, in diversi settori come birra, caffè, sake (è sommelier certificato) e panificazione. Per alcuni anni si è dedicato anche alla miscelazione e allo studio dei fine spirits, preparazioni homemade e signature cocktails. Il risultato di questo ampio percorso – che ancora prosegue – è una figura con competenze a 360 gradi.

La sua storia con Borgia – Milano inizia a livello consulenziale, prima con il cambio dell’insegna da Isola 56 Tasting House al nome attuale, per poi procedere nella scelta dello stile e della gestione che attualmente contraddistinguono il ristorante. Il suo contributo è stato fondamentale anche per il restyling del locale.

Devis Giuliano – Sommelier Borgia Milano. Una passione per la ristorazione nata da bambino, tale da portarlo a intraprendere gli studi presso l’Istituto Alberghiero di Varallo Sesia (VC). Finiti gli studi sono iniziati gli anni delle prime esperienze come quella fatta presso l’Excelsior Planet (4 stelle), a Cervinia, e quella all’Hotel del Golfo (4 stelle), all’Isola d’Elba. Successivamente, spinto dalla volontà di perfezionare il suo inglese, è partito per Londra: ben 9 anni di attività, interrotti solo da un periodo passato in Italia presso il prestigioso Trussardi alla Scala (all’epoca 1 Stella Michelin).

Anni di formazione personale e professionale plasmati da un percorso di collaborazioni per Chez Bruce (1 Stella Michelin), Bibendum (2 Stelle Michelin) e The Greenhouse Restaurant (2 Stelle Michelin). Rientrato definitivamente in Italia, si mette alla ricerca di un nuovo progetto fatto di sfide costruttive e professionalità. Ed ecco la collaborazione come sommelier per Borgia - Milano. Qui continua la sua crescita alla scoperta del mondo vino grazie ai corsi AIS e alla selezione, assieme al Restaurant Manager Tiziano Sotgia, di etichette particolari di piccoli e abili produttori.

80 Views
Top
No Internet Connection